Home / Comunicazione / Il Presidente

Il Presidente

Alla ricerca del “gruppo sociale”

Al di là dell’ormai statica e consumata litania sull’efficacia o meno di una manovra che, a fronte dei diktat europei e dei mercati, rischia di vanificare la portata dei due principali provvedimenti (reddito di cittadinanza e “quota 100”), sui quali tra l’altro abbiamo a più riprese espresso le nostre perplessità …

Leggi di piú »

Il numero di followers non è una virtù

Nei giorni scorsi un docente universitario di ingegneria c’ha confessato, con non poco sconforto, che la scarsa preparazione dei suoi studenti non è soltanto conseguenza del decadimento della scuola italiana. Secondo lui la causa principale è la crescente demotivazione. Cioè i ragazzi che fuoriescono dalla scuola superiore – e sui …

Leggi di piú »

Addio Bertolucci, regista e poeta

E’ stato sicuramente uno dei grandi testimoni del Novecento, non a caso titolo di una delle sue più importanti pellicole. Ha saputo cogliere come pochi lo spirito dei tempi. Con la scomparsa di Bernardo Bertolucci, il nostro Paese perde non solo uno dei suoi più grandi e poliedrici registi, capace …

Leggi di piú »

Destra e sinistra

Ha ancora senso dibattere sulla vexata quaestio della sopravvivenza o meno della coppia antitetica destra e sinistra nel nostro Paese, soprattutto alla luce dell’attuale governo? Ha ragione il premier Conte nel sostenere che questa dicotomia è superata (lo disse anche Mario Monti), posizione condivisa con i Cinquestelle e con parte …

Leggi di piú »

Il tiro alla fune

Come nel gioco del tiro alla fune, c’è una fase iniziale in cui le squadre contrapposte sono sostanzialmente ferme in attesa di scoprire chi ha più forza. Così la politica italiana, solitaria in questo corpo a corpo con l’esercito europeo, continua a tirare la corda, ma senza ottenere risultati positivi. …

Leggi di piú »

Le ragioni dell’altro Matteo: Zoppas

Mentre il nostro Paese vive un’amara congiuntura, confermata da una serie di indicatori dell’Istat (crescita nulla nel terzo trimestre di quest’anno dopo ben 14 trimestri positivi, freno della produzione industriale, calo dell’export e consumi delle famiglie a settembre giù del 2,5 per cento rispetto allo stesso mese del 2017), un …

Leggi di piú »

Sabato a Torino sfileranno i cittadini

Sabato prossimo a Torino avrà luogo una manifestazione che, seppur nel contesto di epoche differenti, potrebbe replicare quanto successo nel 1980 nelle stesse strade: la nota “marcia dei 40mila”. In quell’occasione gli impiegati della Fiat rivendicarono il diritto al lavoro e alla produzione protestando contro la cultura sindacale del “picchettaggio” …

Leggi di piú »

Il fardello del debito pubblico

Il pesantissimo debito pubblico del nostro Paese è ormai il baricentro di tutta l’economia, la politica e quindi la società italiana. E’ probabilmente la parola più utilizzata nel dibattito pubblico. Ed è lo spettro che condiziona – o perlomeno avrebbe dovuto condizionare – da anni ogni provvedimento che implichi una …

Leggi di piú »

Quota 100? E’ ormai da alpinisti masochisti

Debbono francamente ricredersi coloro che – da appena post-sessantenni – si aspettavano l’agognata pensione per poter scappare in qualche spiaggia tropicale e godersi i frutti di un sostanzioso assegno previdenziale. La “quota 100” non è così lineare come ci si potrebbe aspettare da una semplice somma matematica. Innanzitutto se un …

Leggi di piú »

La Tav e l’Italia del sì

C’è chi rievoca la storica “marcia dei 40mila” di Torino, quando impiegati e quadri della Fiat diedero vita il 14 ottobre 1980 ad un silenzioso corteo di protesta contro i sindacalisti che impedivano loro da settimane di entrare in fabbrica. Un’iniziativa che ha contribuito non poco a cambiare definitivamente le …

Leggi di piú »

L’inverno demografico

Qualche giorno fa è stata resa nota una ricerca dell’Istituto Cattaneo di Bologna a cui, secondo noi, non è stato dato lo spazio che merita. Gli studiosi della prestigiosa fondazione, promossa all’inizio degli anni Cinquanta dagli stessi intellettuali che diedero vita alla casa editrice Il Mulino, hanno attestato che il …

Leggi di piú »

La tempesta

Nell’editoriale sul quotidiano La Stampa di oggi, Marcello Sorgi fotografa il destino dell’Italia con una metafora presa in prestito da un bel film del 2000, “La tempesta perfetta”, con George Clooney. La storia narrata dalla pellicola è quella di un gruppo di marinai reduci da un’eccezionale battuta di pesca, ma …

Leggi di piú »

La festa sta finendo

Il letterato francese Rémy de Gourmont ha scritto che i padroni del popolo saranno sempre quelli che potranno promettergli un paradiso. Nel Belpaese spesso l’Eden non solo è stato promesso, ma persino allestito come uno sfavillante Paese dei balocchi per frotte di privilegiati fedeli alla “parrocchia” del momento. Tanti Pinocchi …

Leggi di piú »

In attesa del giudizio delle agenzie di rating

Sono davvero lontani i tempi – metà anni Ottanta – in cui l’Italia godeva della “tripla A” da parte dell’agenzia americana di rating Moody’s. Eravamo la sesta economia al mondo e godevamo della fiducia dei mercati. Da allora, però, parallelamente alla crescita irrefrenabile del debito, è crollato il credito da …

Leggi di piú »

Quei 730 milioni già andati in fumo

Un semplice calcolo, firmato da una deputata marchigiana e diffuso sui social, è quanto di più rappresentativo ed efficace possa esserci per comprendere quello che sta provocando l’attuale governo nel braccio di ferro con le istituzioni nazionali e internazionali: con le sole aste di ieri, causa lo spread con i …

Leggi di piú »

Chi troppo sal, cade sovente…

I sondaggi, da prendere sempre con le molle, da tempo premiano in particolar modo la Lega di Salvini, che fino a qualche giorno fa sfiorava il 34 per cento, con il Movimento 5 Stelle a ruota intorno al 29 per cento. Insomma, il governo, partito con circa metà dei consensi …

Leggi di piú »

Tutta colpa di Rumor?

Uno degli aspetti più sconfortanti dei nostri tempi è che la maggior parte delle decisioni politiche sono condizionate dai contesti emergenziali in cui vengono prese. I gravi problemi economici del nostro Paese finiscono per vincolare e, in un certo senso, per ridimensionare ogni proposta, anche la più coraggiosa, perché volenti …

Leggi di piú »

La manovra rischia di accentuare le ingiustizie

Abbiamo già espresso la nostra perplessità riguardo alla manovra. Un “verdetto” che non nasce da un pregiudizio: siamo coscienti del fatto che l’Italia sia ultima per crescita in Europa e qualsiasi intervento in tal senso sarebbe utile. Così come abbiamo consapevolezza che il numero dei poveri continui drammaticamente a lievitare, …

Leggi di piú »

Perplessità e preoccupazioni dalla manovra economica

Pitagora sosteneva che i numeri regnano sull’universo. E mai, come in questo periodo, un numero – anzi, una percentuale – è importante per il destino del nostro Paese. Dopo giorni di congetture, è ufficiale la decisione del governo di spingere il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento nell’annuale Nota di …

Leggi di piú »

La “jobs guarantee” sarebbe efficace in Italia?

Il settantasettenne Bernard Sanders, senatore statunitense del Vermont, candidato alle primarie per la presidenza Usa e attivista di lungo corso del movimento per i diritti civili e delle lotte progressiste (il suo programma, ormai estraneo alla maggior parte della nostra sinistra: assistenza sanitaria pubblica per tutti, casa come diritto umano, …

Leggi di piú »