Home / Centro studi / Leggi e istituzioni / Voucher: Mamone (Unsic): “Abolizione segno di debolezza politica”

Voucher: Mamone (Unsic): “Abolizione segno di debolezza politica”

File name :000_2508.JPG File size :2.6MB(2740978Bytes) Date taken :2011/10/27 16:58:06 Image size :3184 x 2120 Resolution :300 x 300 dpi Number of bits :8bit/channel Protection attribute :Off Hide Attribute :Off Camera ID :N/A Camera :NIKON D700 Quality mode :N/A Metering mode :Matrix Exposure mode :Manual Speed light :No Focal length :200 mm Shutter speed :1/100second Aperture :F4.0 Exposure compensation :0 EV White Balance :N/A Lens :N/A Flash sync mode :N/A Exposure difference :N/A Flexible program :N/A Sensitivity :N/A Sharpening :N/A Image Type :Color Color Mode :N/A Hue adjustment :N/A Saturation Control :N/A Tone compensation :N/A Latitude(GPS) :N/A Longitude(GPS) :N/A Altitude(GPS) :N/A

Per Domenico Mamone, presidente dell’Unione nazionale sindacale imprenditori e coltivatori (Unsic) “l’abolizione dei voucher è il segno di una rinuncia, di una grande debolezza del governo e della politica. Di fronte alle polemiche sugli abusi – innegabili- nell’impiego di questo strumento, che però serviva e serve a rispondere ad una necessità oggettiva di lavoro temporaneo, di fronte alle difficoltà nel garantire non impossibili controlli e limiti, si preferisce rinunciare. Eppure” conclude Mamone “abolire sulla carta i voucher non abolirà la realtà del mercato del lavoro e le necessità delle aziende, né i diritti di quei lavoratori che avevano trovato nei voucher un riconoscimento adeguato a prestazioni occasionali. Fingere di non vedere la realtà dell’economia italiana, specialmente delle aziende piccole a conduzione familiare, aprirà nuovi spazi all’economia informale, e a soluzioni ancora più improvvisate e in definitiva peggiori di quella che oggi viene abolita”.

Controlla anche

lavoro autonomo

Riforma del lavoro autonomo: l’approvazione dopo oltre un anno

Le “Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *