Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Emilia-Romagna: 5 milioni per innovazione, ricerca e sostenibilità

Emilia-Romagna: 5 milioni per innovazione, ricerca e sostenibilità

Ricerca, innovazione e sostenibilità. Sono queste le parole chiave dei nuovi bandi Goi, Gruppi operativi innovazione, finanziati con oltre 5 milioni di euro nel 2019 dal Programma di sviluppo rurale 2014-2020.

I bandi, che sono stati aperti il 7 gennaio per chiudersi il 9 aprile 2019, interessano le filiere e il settore forestale con alcune importanti novità.

La prima riguarda una richiesta avanzata in sede europea dalla Regione e accolta positivamente dalla Ue. Si tratta della semplificazione della procedura amministrativa con l’introduzione dei “costi standard” per il calcolo dei costi del personale dipendente e con il riconoscimento di una quota forfettaria di spese generali pari al 15% delle spese di personale.

La seconda, invece, riguarda il riconoscimento dell’Iva nel caso di soggetti per i quali questa rappresenta un costo netto. Infine, vengono equiparati ai Gruppi operativi i soggetti che già associano le due componenti richieste (ricerca e produzione).

“L’innovazione in agricoltura è al primo posto del nostro impegno – afferma l’assessore Caselli. “Abbiamo stanziato 50 milioni di euro per l’intera durata del nostro Programma di sviluppo rurale 2014-2020 a favore di progetti di ricerca e innovazione, l’importo più alto tra le regioni italiane ed europee. Investiamo nell’azione dei Goi perché consideriamo strategica l’alleanza tra mondo agricolo e della ricerca. Gli attuali 93 gruppi in Emilia-Romagna, sui 150 attivati in Italia, danno la misura dell’impegno della Regione in questo campo, a cui si aggiunge la volontà di semplificare le procedure e di riconoscere in pieno le attività dei partner che compongono i Gruppi d’innovazione. Rispetto ai precedenti bandi, abbiamo chiesto e ottenuto dalla Commissione europea di introdurre elementi di semplificazione e di riconoscimento dei costi gestionali per ridurre il carico amministrativo a vantaggio delle attività di sviluppo dell’innovazione”.

Il primo bando  riguarda la competitività dei produttori primari e il miglioramento dell’integrazione di filiera (Focus area P3A), per una disponibilità di 4 milioni di euro.

Prevede la realizzazione di piani di innovazione per il rafforzamento delle filiere, favorendo sostenibilità economica, ambientale e sociale.  Possono fare domande aziende dei settori ortofrutticolo, lattiero-caseario, dei seminativi, sementiero, delle oleoproteaginose, foraggero, suinicolo, vitivinicolo e avicolo e di altri settori di produzioni vegetali e produzioni animali.

Le spese ammissibili sono comprese tra i 50 mila e i 250 mila euro e il progetto potrà avere durata massima di 30 mesi.

Il sostegno previsto è pari al 70% della spesa ammissibile.

Il secondo bando  sulla forestazione (Focus area P5 E), con una copertura finanziaria di un milione e 100 mila euro circa , si rivolge a progetti per lo sviluppo di innovazione organizzativa, di processo e di nuovi sistemi di qualità volti a promuovere la conservazione e il sequestro del carbonio.

La spesa ammissibile dei progetti va dai 50 mila ai 200 mila euro e il sostegno sale al 100% della spesa ammissibile. Anche in questo caso il progetto deve avere durata massima di 30 mesi.

Le domande vanno presentate come per tutti i bandi Psr sulla piattaforma on line di Agrea, l’agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura.

Le spese ammissibili comprendono i costi relativi alla realizzazione del Piano d’innovazione dei Gruppi Operativi e le spese di esercizio della cooperazione, studi preparatori (di mercato, di fattibilità, piani aziendali), realizzazione, divulgazione sulla rete europea Pei, (Partenariato europeo per l’innovazione) un network per la comunicazione sui progetti.

I Gruppi operativi che candidano progetti di forestazione (Focus area P5E) sono soggetti al “regime de minimis“ e i relativi contributi saranno concessi in base a quanto indicato dal regolamento Ue 1407/2013.

I Gruppi operativi  per l’innovazione riuniscono aziende agricole ed enti di ricerca in partenariato pubblico-privato per favorire l’innovazione, rafforzare la capacità di competere sui mercati, migliorare le performance ambientali e ridurre l’impatto su acqua, aria e suolo.

(Gia.Cas.)

Controlla anche

Operazione “Global Wine”, Centinaio: “Garantita sicurezza e qualità delle eccellenze Made in Italy”

Nella giornata di ieri, in Puglia, Sicilia, Campania, Lazio ed Emilia Romagna i Carabinieri dei …