Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / L’olio extravergine laziale protagonista di un viaggio tra miti e realtà

L’olio extravergine laziale protagonista di un viaggio tra miti e realtà

OlioProduttori, operatori commerciali, specialisti del settore agroalimentari, giornalisti tutti insieme per capire e conoscere i segreti e le caratteristiche dell’olio d’oliva del Lazio. Si sono dati appuntamento lo scorso martedì 12 dicembre, al ristorante “Legno e Ferro”, in via Angelo Bargoni a Roma, per partecipare a un “Viaggio tra miti e realtà  dell’olio extravergine di oliva” e conoscere e apprezzare i quattro Dopo laziali: Canino,  Tuscia, Sabina e Colline Pontine. L’iniziativa organizzata dall’Enuip (Ente nazionale Unsic  Istruzione e formazione) in collaborazione con Unsic (Unione nazionale sindacale imprenditori e coltivatori), Apeo (Associazione Produttori Europei Olivicoli), UnsiCoop (Associazione nazionale cooperative Unsic) e con il contributo dell’Arsial della Regione Lazio.

Un viaggio affascinante, guidato ottimamente dall’agronoma Daniela Torresetti e dall’assaggiatrice di olio Simona Cagnoli. Si è parlato di tecniche agronomiche e della qualità dell’olio extravergine d’oliva, analizzando i principali parametri chimici qualitativi. Si è fatta una carrellata tra le varie qualità dell’olio e sulle produzioni: dall’agricoltura biologica a quelli di Denominazione di Origine protetta (Dop). Si è anche parlato degli impianti, della selezione delle varietà di olive, dell’epoca e dei sistemi di raccolta e della conservazione delle olive. Ovviamente la trasformazione delle olive in olio è stato uno dei piatti forti della serata. E dall’illustrazione sono emersi anche i principali parametri chimici qualitativi dell’olio extravergine di oliva: acidità, perossidi, composti fenolici e composti volatili. Sono stati sfatati anche alcuni falsi miti legati all’olio di oliva: dal colore alla scadenza, dalla conservazione all’utilizzo fino alla digeribilità.

La serata è proseguita con una guida all’assaggio dei quattro Dop laziale e, grazie ai consigli dell’assaggiatrice  Simona Cagnoli,gli ospiti hanno potuto apprezzare e capire le differenze tra il Dop Canino, il Dop Tuscia,  il Dop Colline Pontine e il Dop Sabina. Infine sono state proposte quattro pietanze condite con l’olio, tra i quattro Dop laziali, più adatto.

Controlla anche

Creato il primo elenco degli alberi monumentali d’Italia

E’ stato approvato il primo elenco degli alberi monumentali d’Italia. L’elenco, diviso per Regioni, si compone di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *