sabato , Maggio 25 2019
Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Poderi Einaudi, la cantina del Presidente

Poderi Einaudi, la cantina del Presidente

Le quattro generazioni della famiglia Einaudi

Fondata nel 1897 dal primo Presidente della Repubblica democraticamente eletto – oggi guidata da Matteo Sardagna Einaudi,  quarta generazione – si attesta come una delle migliori espressioni della tradizione enologica piemontese.
 
La storica Cantina – con i suoi 60 ettari di proprietà posti nelle migliori posizioni della Langa –  è da sempre espressione autorevole di questo territorio e dei suoi terroir.

Negli ultimi anni il lavoro di Poderi Luigi Einaudi – in vigna e in cantina – si sta muovendo sempre di più verso una ricerca qualitativa e di eccellenza, con l’obiettivo di affermare l’unicità e la ricchezza delle proprie produzioni.  

La Cantina infatti persegue quello che ha definito “Progetto Barolo”,per ottenere la massima espressione in bottiglia legata a questo Cru, per elevare la qualità dei vini, restando fedeli allo stile aziendale di massima eleganza. La volontà è di investire nel proprio territorio, enfatizzando il senso profondo del concetto di “cru” e il valore e l’individualità d’ogni singola vigna, creando un percorso inedito, dove ogni etichetta diventa uno strumento per raccontare storia e tradizione dei luoghi dove affondano le proprie radici.

In questo ambizioso progetto si individuano due linee di riferimento: quella caratterizzata dai Cru Barolo Cannubi, Terlo Vigna Costa Grimaldi, Bussia e Monvigliero, prodotte in minor quantità alla ricerca della loro massima espressione e quella del Barolo Ludo docg, che ci riporta alla tradizione del territorio che usava assemblare le uve dei diversi vigneti, in particolare la potenza di Bussia addolcita dall’eleganza di Cannubi in un perfetto equilibrio garantito da Terlo. Oltre ai Baroli, Completano la gamma il Dogliani Docg, Dogliani Docg Vigna Tecc, il Langhe Doc Barbera, il Langhe Doc Luigi Einaudi, il Langhe Doc Meira, il Langhe Doc Donna Ida e il Moscato d’Asti Docg.

E se il Baroloè la ricercatezza e l’esclusività, il Dogliani Docg– 100 % Dolcetto – è il vero biglietto da visita di questi paesaggi: nasce dai vigneti Einaudi posti nelle migliori posizioni, sui bricchi di San Luigi, San Giacomo e Madonna delle Grazie in Dogliani. Poderi Luigi Einaudi è stata una delle prime Cantine a imbottigliare il Dolcetto, tanto che molti negli anni hanno iniziato a chiamarlo “Il Dolcetto del Presidente”.
 
Per chi si trova a Dogliani, quindi, Poderi Luigi Einaudi rappresenta una tappa obbligata. E’ possibile anche soggiornare presso il Relais Foresteria dei Poderi, l’antica dimora in cui gli ospiti sono accolti calorosamente dallo staff dei Poderi: non un semplice albergo, ma una dimora di antiche tradizioni, un angolo di pace e serenità nel cuore delle Langhe, la collocazione sulla cima di una collina che domina una tipica vallata regala di per sé emozioni. Il soggiorno può essere personalizzato in base alle proprie inclinazioni, magari aggiungendo una visita nella storica cantina con una degustazione o una cena con un personal chef.

Per maggiori informazioni www.poderieinaudi.com

Check Also

Museo “Mondolatte”, idea per un weekend in Val Pusteria

A Dobbiaco, in Val Pusteria, esiste un luogo dove trascorrere un pomeriggio perfetto con tutta …