Home / Comunicazione / Bandi & Opportunità / Premio Biz Factory: i vincitori

Premio Biz Factory: i vincitori

Biz FactorySi è conclusa la XIV edizione della competizione Biz Factory con la partecipazione di 23 mini-imprese create da 150 studenti selezionati tra i 18mila che hanno partecipato al progetto “Impresa in azione”, l’iniziativa che consente di sviluppare spirito imprenditoriale e sperimentare i passi per la creazione di un’impresa già dalla scuola superiore.

La startup MaCo Innovation JA, creata dagli studenti dell’ITI A. Malignani di Udine, ha vinto il premio.

Il progetto della startup MaCo Innovation JA, ha creato un burro-cacao monodose chiamato Strishare: il burro-cacao è disposto su strisce di cartina estraibili da un contenitore e dosabili a piacimento, permettendo soprattutto una maggiore igiene e la possibilità di condividere il burro-cacao con altre persone.

Biz Factory rappresenta, infatti, la meta di un articolato percorso di educazione imprenditoriale denominato Impresa in azione a cui hanno preso parte, solo nell’anno scolastico 2016/2017, 18.000 ragazzi tra i 16 e i 19 anni che hanno dato vita a oltre 750 mini-imprese. Valutate e selezionate nel corso di competizione regionali su criteri quali innovazione, fattibilità e apprendimento, sono state 23 le mini-imprese finaliste in gara. L’iniziativa è promossa e organizzata da Junior Achievement, associazione non profit attiva in 39 Paesi europei per lo sviluppo delle competenze per l’imprenditorialità e dell’alfabetizzazione finanziaria.

L’obiettivo di “Impresa in azione” e della sua competizione nazionale Biz Factory consiste proprio nell’avvicinare scuola e mondo del lavoro in maniera efficace. L’obiettivo è già condiviso con le prassi di Alternanza Scuola-Lavoro, a cui hanno aderito nel 2015/2016, l’87,4% delle scuole pubbliche e paritarie italiane, che Junior Achievement ha rivisto e arricchito, promuovendo una modalità innovativa di educazione imprenditoriale.

I percorsi dell’Alternanza, infatti, possono essere svolti in diverse realtà e secondo diverse modalità: se il 36% dei casi è stato effettuato all’interno delle imprese, il 12% ha scelto di vivere questa esperienza all’interno delle scuole con progetti come Impresa in azione.

In questo scenario, Junior Achievement porta, così, un cambio di paradigma grazie anche al supporto di imprenditori, professionisti, manager d’azienda, startupper che si recano nelle scuole per accendere la passione verso l’imprenditorialità e insegnare un metodo per dare vita alle proprie idee.

“L’educazione imprenditoriale a scuola è un mix di fattori, metodologie, contenuti, competenze e relazioni che, insieme, consentono di potenziare gli effetti dell’apprendimento e offrire un’esperienza di forte impatto che avvicina efficacemente i partecipanti al loro futuro professionale. Tra i principali driver di successo di Impresa in azione ci sono infatti sia il contributo degli insegnanti, promotori dell’innovazione nella didattica e capaci di aprire le porte delle loro classi al territorio e al mondo esterno, sia l’apporto decisivo di 620 professionisti che, in forma totalmente gratuita, hanno portato il mondo del lavoro direttamente nelle classi. È inoltre un modo innovativo e strutturato che dà la possibilità al mondo delle PMI di accedere ai progetti di alternanza aderendo alla proposta di JA Italia – dichiara Eliana Baruffi, presidente JA Italia.

Nelle due giornate di BIZ Factory, che si sono svolte tra Palazzo Mezzanotte di Borsa Italiana e gli spazi di Talent Garden, gli studenti hanno presentato gli originali prodotti e servizi realizzati, dimostrando le proprie capacità di innovazione e imprenditorialità, ma anche di marketing, finanza, vendita, nel corso di una fiera espositiva, un confronto serrato con la giuria e una maratona di Elevator Pitch.

Oltre al team MaCo Innovation JA dell’ITI A. Malignani di Udine, che si è aggiudicato il titolo di Migliore Impresa JA 2017 e rappresenterà l’Italia alla prossima competizione europea di JA Europe che si terrà a Bruxelles nel mese di luglio, altri 4 progetti imprenditoriali hanno ottenuto un riconoscimento.

Il premio FedEx Express Access Award è stato consegnato da Vito Bernardi, Managing Director Properties, Real Estate & Airport Relations Europe a EnerMemo dell’ISS Pacinotti Archimede di Roma. The Walt Disney Company Italia Creativity Award è stato consegnato da Fabiola Bertinotti, Director Corporate Communications & Citizenship, a Savor JA dell’ISITP Brambilla, Verrès (AO). Il progetto IndifferenzaZero JA dell’ISIS Carducci Volta Pacinotti, Piombino (LI), vince il premio ABB Ecopreneur per la sostenibilità ambientale, consegnato da Francesca Federigi, CSR Manager. Nella competizione, anche un premio speciale per le Università consegnato da Davide Steffanini, General Manager Italia di Visa a BretMaps dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Controlla anche

sdr

Motta di Livenza (Treviso), nuovo centro di lavoro per disabili

Una nuova struttura a disposizione dei disabili per la ricerca di un lavoro. E’ stata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *