Home / Comunicazione / Il Presidente / A Chiaiano c’è un Sud che deve far riflettere

A Chiaiano c’è un Sud che deve far riflettere

Domenico MamoneChiaiano, Napoli, periferia a rischio. Qui, soltanto qualche giorno fa, Salvatore Bagni, ex mediano del Napoli di Maradona e del primo scudetto, ha presenziato ad un quadrangolare di calcio organizzato dal Centro sportivo nazionale Fiamma e che ha coinvolto un centinaio di minori a rischio. La manifestazione si è tenuta in un bene confiscato alla camorra.

E qui è avvenuto l’ennesimo fatto di cronaca che dimostra come ci siano lembi d’Italia che ricordano ormai le realtà più a rischio del Sudamerica.

Riportano le cronache che alle 18,30, quindi nel pieno pomeriggio, tre adolescenti, cugini tra loro e compagni di studi all’istituto Minzoni di Giugliano, fuoriescono dalla metropolitana alla stazione di Chiaiano. Devono raggiungere Qualiano per incontrarsi con alcuni amici. Tutte località oggi problematiche e che invece, già dalle denominazioni, evocano splendori romani, con quel suffisso anum (da castrum) legato al nome del primo fondatore (Iulius, Caius, Marius, etc.).

All’improvviso, tornando alla drammatica cronaca, i tre impattano in una gang di ragazzini. Senza motivo, almeno così sembra, il “branco” – si parla di una quindicina di minori – inizia a minacciare e a tentare di picchiare i tre. Due riescono a scappare e a rifugiarsi in un bar. Il terzo ha la peggio e finisce sotto ad una tempesta di pugni e calci. La vittima, 15 anni, di Melito, è in rianimazione all’ospedale di Giugliano. Vi è stato accompagnato dalla madre dopo essere tornato a casa e aver tentato di resistere ai dolori. Ha subìto un lungo e delicato intervento durante il quale i medici gli hanno dovuto asportare la milza.

Il ragazzo, dopo i momenti di terrore, si è rifugiato nella stazione della metropolitana e ha chiesto aiuto, ma nessuno si è preoccupato di lui.

Inconcepibile che in pieno giorno possa avvenire un raid come questo. In una spirale drammatica, ci sono zone del nostro Mezzogiorno dove la criminalità organizzata e quella minorile costituiscono un vulnus costante alla convivenza civile e alla possibilità di fare impresa e quindi di far crescere i territori. Finora in questo sconfortante periodo elettorale non abbiamo sentito una parola sul nostro Sud che stenta ad agganciarsi alla ripresa, a vedere affrontati seriamente gli endemici problemi sociali, economici, culturali, ad iniziare da quelli scolastico-formativi, di inclusione, sanitari, delle piccole e medie imprese.

Finché non si prenderà coscienza che l’emergenza del nostro Mezzogiorno è ancora attuale e che soltanto la drammatica piaga dell’emigrazione all’estero – ripresa con vigore – sta attenuando problemi atavici che ricadono soprattutto sui giovani, ogni scostamento di Pil è una notizia lontanissima dalla realtà quotidiana del nostro Meridione.

(Domenico Mamone)

Controlla anche

Il “patto per la fabbrica” di Calenda

Lanciata dalle pagine del Sole 24 Ore, la proposta di un “nuovo patto per la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *