Home / Comunicazione / Il Presidente / Ma la scuola non è un’azienda

Ma la scuola non è un’azienda

Domenico MamoneGli imprenditori debbono fare gli imprenditori e il personale della scuola ha la delicata e ambiziosa missione di trasmettere educazione e conoscenza. E non, come avviene purtroppo sempre più spesso, di trasformarsi in manager, in promotori, in burocrati, in tecnici.

Già con le prove Invalsi, mai troppo amate dal corpo insegnante, i docenti vengono spesso utilizzati in un’attività accessoria di semplici impiegati di concetto, senza che alcuna norma contrattuale lo preveda.

Ma è “l’aziendalizzazione” della scuola a determinare le situazioni più imbarazzanti. Tralasciando la crescente pratica – oggi imposta dalle norme sin dalle terze classi superiori – dell’alternanza scuola-lavoro, 200 ore quasi sempre sottratte ad attività più formative (anche perché in molti istituti sono ormai in atto interessanti sperimentazioni curriculari, ad esempio sull’insegnamento in lingua straniera), in queste settimane è la “moda” degli “open day” a trasformare le scuole – di sabato o di domenica – in una sorta di “vetrine” in grado di calamitare più “clienti” possibili. In tali appuntamenti vengono arruolati gli stessi studenti come novelli “Cicerone” per compiere visite guidate e dispensare giudizi – non sempre spassionati – sul proprio istituto di appartenenza, mentre i professori sono costretti a fare da “testimonial” dei servizi offerti dalla scuola davanti a platee di genitori dalle mille curiosità. In una società dove la quantità sempre più spesso sovrasta la qualità, sono soprattutto le attività extracurriculari a suscitare interessi o addirittura a fare la differenza (un laboratorio teatrale a la page, l’innovativo corso di scacchi, il gemellaggio con gli svedesi, l’immancabile corsa campestre, ecc.).

Come imprenditori riserviamo sempre massima attenzione alle cronache scolastiche. Perché in quelle aule si formano i cittadini di domani. E svilire l’educazione è una pratica nefasta. “Le radici dell’educazione sono amare, ma il frutto è dolce”. Non l’ha scritto la ministra Fedeli ma un certo Aristotele.

(Domenico Mamone)

Controlla anche

La comunicazione in mano all’influencer?

Un tempo quando un redattore presentava un pezzo con subdoli riferimenti di natura pubblicitaria, un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *