Home / Comunicazione / Opinioni / Catalogna, lo scontro è crescente

Catalogna, lo scontro è crescente

CatalognaDopo le frizioni degli ultimi giorni tra il governo di Madrid e quello di Barcellona a proposito del referendum del prossimo 1 ottobre sull’indipendenza della regione, oggi il livello dello scontro si è impennato vertiginosamente, con un atto di forza da parte del governo spagnolo che sta portando il caos nella regione.

La mattina di mercoledì 20 settembre la polizia spagnola ha fatto irruzione in varie sedi istituzionali delle autorità catalane, sequestrando schede elettorali per il referendum dell’1 ottobre e traendo in arresto in totale 14 persone, tutti esponenti di alto livello del governo catalano, tra cui anche Oriol Junqueras, vicepresidente della Generalitat e consigliere economico.

Stanno accadendo cose mai viste da decenni nelle democrazie occidentali – ha dichiarato Junqueras al giornale ‘La Vanguardia‘ .

Nel pomeriggio la Guardia Civil ha tentato un’irruzione anche nella sede del partito indipendentista radicale della Cup, che però ha denunciato sui social l’aggressione (a quanto pare, senza un preciso mandato) ottenendo una immediata risposta di cittadini che in centinaia si sono ammassati fuori dalla sua sede, riuscendo infine a far ritirare la polizia.

Nel pomeriggio il raggruppamento indipendentista trasversale “Assemblea de Catalunya” ha convocato una manifestazione in reazione ai fatti della giornata.

Ma quali sono le ragioni che hanno portato all’accendersi dello scontro?

Cosa cova negli animi dei catalani di oggi, così accesi sul tema dell’indipendenza?

Per approfondire il tema, assume piena attualità il libro “Catalogna indipendente. Le ragioni di una battaglia” edito in Italia da manifestolibri, che tenta di far arrivare al pubblico italiano storia, ragioni e rivendicazioni degli indipendentisti. Il volume, presenta una raccolta di testi della sinistra indipendentista, riunita a vario titolo attorno al partito Candidatura d’Unidad Popular (Cup). Attivisti giovani e meno giovani illustrano la storia e le motivazioni di una convinzione che sta infiammando gli animi di una regione che è rimasta a lungo sconosciuta ai loro vicini europei.

Il libro è introdotto da Marco Grispigni, studioso di storia contemporanea ed esperto di questioni iberiche.

Vi si legge: “Il 1 ottobre 2017 il governo autonomo della regione spagnola della Catalogna ha indetto un referendum con il seguente quesito: ‘Vuole che la Catalogna sia uno Stato indipendente con forma di Repubblica?’. L’esito di questa consultazione autoproclamata e osteggiata dalle autorità centrali di Madrid rischia di provocare una crisi di legittimità senza precedenti per la Spagna, in un contesto europeo in cui emergono sempre più forti le pulsioni disgreganti, non da ultima la Brexit. Come reagirà il Paese di fronte a questa frattura? E l’Europa?”

Controlla anche

Aree montane e disagiate: continua lo smantellamento

Chi ci governa da Roma e dai vari capoluoghi regionali, a parole fa promesse di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *