Home / Comunicazione / Primo piano / Bonus Inps agricoltura: a chi spetta e come fare domanda

Bonus Inps agricoltura: a chi spetta e come fare domanda

Il bonus Inps agricoltura, inizialmente rivolto a quei soggetti che avevano effettuato una nuova iscrizione nella previdenza agricola nel 2017 o nel 2016, è stato prorogato di un anno, estendendolo ai nuovi iscritti alla previdenza agricola nel 2018

bonus inps agricoltura

Anche per quest’anno è attivo il bonus Inps agricoltura, il contributo in aiuto dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali con meno di 40 anni, che avviano un’attività agricola autonoma nel 2018.

Il bonus Inps agricoltura è stato introdotto dalla legge di Bilancio 2017. Inizialmente rivolto a quei soggetti che avevano effettuato una nuova iscrizione nella previdenza agricola nel 2017 o nel 2016 (in quest’ultimo caso solo se iscritti con aziende ubicate nei territori montani o nelle aree agricole svantaggiate), il contributo è stato prorogato di un anno, estendendolo ai nuovi iscritti alla previdenza agricola nel 2018.

Restano fuori dall’agevolazione coloro che sono stati iscritti, in passato, alla previdenza agricola, in quanto non considerati come nuovi imprenditori.

COS’È E COME FUNZIONA IL BONUS INPS AGRICOLTURA

Il bonus Inps agricoltura prevede l’esenzione dal versamento dei contributi previdenziali dovuti all’Inps.

Nello specifico l’esonero contributivo risulta essere al:

  • al 100% della contribuzione IVS (si tratta dell’assicurazione invalidità, vecchiaia e superstiti), per i primi tre anni di iscrizione alla gestione previdenziale dei coltivatori diretti;
  • al 66% della contribuzione IVS per il quarto anno;
  • al 50% della contribuzione IVS per il quinto anno.

Nel rispetto della regola de minimis, il bonus agricoltura non puoi mai superare i 15mila euro.

A partire dall’entrata in vigore del Registro nazionale degli aiuti di Stato, l’Inps potrà riconoscere il bonus Inps agricoltura solo dopo aver consultato il registro ed accertato che vi sia disponibilità, nel limite del regime de minimis, dell’intero importo relativo allo sgravio.

Ad ogni modo l’Inps, per verificare il rispetto del limite, terrà conto degli esoneri e delle riduzioni contributive applicabili nei due anni precedenti la data della domanda (2017 e 2016), dell’anno in corso (2018) e dei due anni successivi (2019 e 2020).

Il bonus Inps agricoltura non intacca la pensione dei soggetti interessati visto che l’aliquota di computo è pari al 24% per il 2018, non viene ridotta. Altresì il bonus Inps agricoltura non riduce:

  • il contributo di maternità;
  • il contributo Inail, che però è dovuto dai soli coltivatori diretti.

COME FARE DOMANDA PER IL BONUS INPS AGRICOLTURA

Per richiedere il bonus Inps agricoltura i soggetti interessati devono:

  • iscriversi alla gestione previdenziale dei lavoratori autonomi agricoli;
  • attendere l’attribuzione, da parte dell’Inps, del codice azienda;
  • inoltrare all’Inps la domanda telematica di ammissione all’esonero contributivo.
  • accedere, all’interno del sito dell’Inps, ai servizi telematici del cassetto previdenziale per lavoratori autonomi agricoli;
  • accedere alla sezione Comunicazione bidirezionale, Invio comunicazione;
  • compilare il modello telematico Esonero contributivo nuovi Cd e Iap anno 2018 (CD/IAP2018).
  • Non è possibile presentare la domanda in formato cartaceo.

REQUISITI DI AMMISSIONE AL BONUS INPS AGRICOLTURA

Una volta presentata la domanda, l’Inps:

  • verifica, mediante i propri sistemi informativi centrali, il possesso dei requisiti per l’accesso al bonus agricoltura;
  • comunica l’eventuale ammissione all’agevolazione, esclusivamente in modalità telematica, nell’apposito campo esito dello stesso modulo di istanza, cioè del modulo con cui è stata presentata la domanda;
  • indica, per ciascun anno, nella comunicazione di ammissione al beneficio, l’importo dell’agevolazione spettante in via presuntiva.
  • Nel caso in cui l’Inps non ammetta l’interessato alla fruizione del beneficio, comunica, nello stesso campo esito del modulo di domanda, il diniego all’istanza di ammissione con indicazione della motivazione.

(GT)

Controlla anche

Roma, presto strisce blu a pagamento anche per residenti: danno per le imprese

Alcuni parcheggi sulle strisce blu a Roma saranno presto a pagamento anche per i residenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *