Home / Comunicazione / Primo piano / Friuli, a Palmanova via alla riqualificazione di Aquileia

Friuli, a Palmanova via alla riqualificazione di Aquileia

DCIM100MEDIADJI_0016.JPG

“Con l’ingresso di Palmanova nel patrimonio mondiale dell’umanità, il centro storico è diventato a tutti gli effetti una meta del
turismo internazionale che merita scelte coraggiose come questa riqualificazione”. E’ quanto afferma la presidente della
Regione Friuli-Venezia Giulia, Debora Serracchiani, intervenendo all’inaugurazione dei lavori di riqualificazione di Borgo Aquileia, nella suggestiva località stellata da poco indicata patrimonio mondiale dell’Unesco.

Borgo Aquileia è uno dei tre accessi principali alla piazza d’armi di Palmanova. La pavimentazione preesistente sul primo tratto è stata sostituita con una in pietra piasentina e ciottoli; completamente ricostruiti i sotto servizi fognari, riqualificata anche l’illuminazione pubblica grazie a punti luce a led e installato un sistema di controllo degli accessi. Riasfaltato anche il secondo e terzo tratto, fino all’altezza della biblioteca comunale di via Loredan, dove sono stati anche rifatti marciapiedi e illuminazione.

La presidente Serracchiani informa che “la Regione ha sbloccato lavori per 100 milioni di euro, dimostrandosi vicina alle amministrazioni comunali, nelle opere ordinarie come in quelle straordinarie, consapevole che in questi anni l’avvio di un cantiere, piccolo o grande che fosse, aveva assunto i contorni di un evento eccezionale per le difficoltà di bilancio degli enti locali”.

“Abbiamo dimostrato – ha concluso – che fare e fare bene è possibile e continueremo su questa strada anche nell’affrontare le
necessita’ di valorizzazione dell’intero patrimonio regionale che proprio qui, in pochi chilometri, conta su tre citta’ Unesco e su
un’offerta culturale ed enogastronomica ricchissima, che rappresenta un motore per l’intera economia del Friuli Venezia
Giulia”.

Dopo Borgo Aquileia, come indicato dal primo cittadino, “prima possibile cominceremo a lavorare anche sugli altri due Borghi e su Contrada Donato. Il progetto sarà approvato a breve e quindi si procederà con l’appalto, per un costo di altri 800 mila euro. Con questo ulteriore tassello avremo una piazza degna del riconoscimento Unesco che ci è appena stato consegnato e adatta ad accogliere, nel modo migliore, turisti e residenti”.

(Gi.Ca.)

Controlla anche

concorrenza

Decreto concorrenza: ecco tutte le misure

Il nuovo decreto Concorrenza, che dopo oltre due anni di esami da parte del Parlamento è diventato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *