Home / Comunicazione / Primo piano / Milano, parte la Bit, la fiera del turismo

Milano, parte la Bit, la fiera del turismo

Torna a Milano la Bit, la Borsa internazionale del turismo, alla sua 38 esima edizione. Quest’anno dall’11 al 13 febbraio presso FieraMilanoCity, nel centro del capoluogo lombardo. La novità assoluta è la nuovissima area tematica “A Bit of Taste” dedicata al turismo enogastronomico.

Presenti innanzitutto le Regioni italiane con il loro portato storico, economico, culturale, enogastronomico, vero traino del turismo anni tremila, ormai cambiato totalmente. Il nuovo tipo di turista che visita l’Italia ha una meta ed un obiettivo, conoscere il comparto enogastronomico del nostro Bel Paese ed una volta rientrato in patria, andare alla ricerca dei prodotti conosciuti di persona, in vendita all’estero.

Quindi il turismo italiano si sta sempre più caratterizzando per la sostenibilità, la tipicità, la genuinità e salubrità dei prodotti alimentari, vero e proprio brand italiano.

Aspetto comune è la Dieta Mediterranea riconosciuta Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità nel 2010. Con il riconoscimento alla Dieta Mediterranea sono stati premiati non singoli prodotti, ma uno “stile di vita sostenibile, basato su tradizioni alimentari, che diventano patrimonio immateriale della società”.

Il riconoscimento Unesco della Dieta Mediterranea rappresenta una certificazione della qualità del vivere bene e del vivere sano made in Italy, che porta come esempio i maggiori prodotti per quantità e qualità, della Dieta Mediterranea.

L’Osservatorio della Dieta Mediterranea, previsto dalla legge, è preposto a svolgere un ruolo strategico nel processo di tutela, conservazione e valorizzazione della Dieta Mediterranea. Processo che si posiziona prima, durante e dopo le politiche per la salute, per l’agricoltura, per il turismo, per l’ambiente, per la cultura e che attiva uno stile di vita eccellente con filiere produttive di beni e servizi complessi.

Ma un altro riconoscimento Unesco altrettanto importante e recente, è stato quello del riconoscimento dell’Arte del Pizzaiolo Napoletano come patrimonio culturale immateriale dell’Umanità.

Quasi 50.000 visitatori in tre giorni, più di 16.000 appuntamenti di business, 126 convegni, poco meno di 2000 giornalisti, 199 travel blogger, sono questi i numeri della Fiera più grande e multitematica d’Italia. Espressamente dedicata agli operatori del settore, la prima giornata è aperta al pubblico.

Un’Area tematica attualissima è il Bit4Job con 14 aziende partecipanti, 100 i profili professionali ricercati, 500 persone da assumere nelle varie posizioni, 1.160 le persone che si sono proposte online, 620 i candidati al colloquio.

Non manca però qualche critica alla fiera milanese a causa di una certa ripetitività: c’è insomma la necessità di vera innovazione, specie in una fase in cui il nostro Paese sta registrando un vero e proprio boom turistico.

(Gi.Ca.)

Controlla anche

Rinnovato il contratto del settore tabacco

E’ stato rinnovato l’Accordo Interprofessionale Tabacco 2018-2020. Lo annunciano i sindacati, sottolineando che si tratta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *