Home / Comunicazione / Saperi / Libri il Veneto raccontato da Paolo Malaguti

Libri il Veneto raccontato da Paolo Malaguti

“Lungo la Pedemontana” è il titolo del nuovo libro di Paolo Malaguti sulla celebre strada ancora in cantiere (dovrebbe essere aperta alla fine del 2020). Il libro sarà in libreria dal 18 ottobre 2018.

«Pedalavo, e a un bel punto ho visto il cantiere da lontano. Eccola dunque, la Pedemontana. Non mi sono fermato a lungo, e non ho avuto chissà quali intuizioni. Il ragionamento è iniziato quando ho ripreso a pedalare, e poco dopo lo avevo ben chiaro in mente: percorrere i territori toccati dalla superstrada, e provare a vedere se qualcosa mi avrebbe chiamato».

Formidabile campo di metafore che collega cronache, vissuti e immaginari, il progetto della Superstrada Pedemontana Veneta è un colossale intervento sul territorio, un osservatorio privilegiato sulla storia e sul tempo di un paesaggio in costante mutamento. Uno scrittore si mette in viaggio a passo lento, come a tastare un terreno fatto di aneddoti dimenticati o magnificamente inventati, di creatività e vitalità cosmopolita o di tradizioni e lingue antiche e recenti, tra strati di storia letteraria e grandi narrazioni della modernità.

Pensata già dagli anni sessanta per far fronte ai problemi di un territorio sempre più complesso, lasciata incompiuta nel 2008 per mancanza di fondi e ora lentamente entrata in fase di completamento, la Superstrada Pedemontana Veneta offre un punto di vista privilegiato sul paesaggio che la circonda. Paolo Malaguti ne ripercorre in bici il tratto che da Montecchio Maggiore arriva a Spresiano, tra i paesi raccontati da Luigi Meneghello in Libera nos a Malo e Piccoli maestri, e indagando con sguardo da narratore gli interstizi che si aprono tra la velocità della superstrada e l’andamento lento delle due ruote si interroga su come sia stato possibile che un territorio tanto legato alle sue tradizioni abbia visto nascere attività all’avanguardia in vari settori produttivi.

In un susseguirsi di capannoni e strade romane, di villette a schiera e borghi medievali, animato da vecchie e nuove «lingue altre» (il veneto, ma anche il pakistano e l’arabo), il Veneto che vien fuori dalla penna di Malaguti emerge da un immaginario stratificato, in cui la costellazione di segni linguistici e letterari rimanda ai versi di Zanzotto e alle atmosfere rarefatte di Buzzati, alla natura vista con gli occhi di Rigoni Stern e alle prime analisi sulla metamorfosi dell’Italia del boom di Pasolini, dove epoche e ritmi diversi convivono, fabbriche e campi arati si rincorrono senza soluzione di continuità, e in cui si possono ancora incontrare «metalmezzadri», metà operai metà contadini, ma dove la nostalgia del tempo passato non sembra far breccia nell’animo operoso dei suoi abitanti.

Paolo Malaguti (Padova, 1978) lavora come docente di Lettere nella provincia di Treviso e di Vicenza. Ha pubblicato, tra gli altri, Sul Grappa dopo la vittoria (2009), Sillabario veneto (2011), La reliquia di Costantinopoli (2015, finalista premio Strega 2016) e Prima dell’alba (2017).

(Gia.Cas.)

Controlla anche

Roma, 36 artisti in mostra per San Michele

Michele Arcangelo è una figura di primo piano nel cristianesimo, nell’ebraismo nell’islam. Nelle dottrine cattolica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *