Home / Comunicazione / Saperi / Roma, al Palazzo della Cancelleria la rentree del concerto di Giuri

Roma, al Palazzo della Cancelleria la rentree del concerto di Giuri

Si svolgerà il 21 settembre, nella prestigiosa cornice di Palazzo della Cancelleria a Roma, il concerto in omaggio a Mozart diretto dal Maestro Alberto Maria Giuri, che dopo la rentrée di Spoleto dell’anno scorso, con un applauditissima performance dedicata a Giancarlo Menotti, con cui ha collaborato per svariati anni, in occasione del decennale della sua scomparsa, ha costituito un nuovissimo organico: l’Ensemble Elysium, formato da trenta elementi che si esibiranno a Roma per la prima volta interpretando le ultime tre sinfonie di mozartiane composte nell’estate del 1788 e la cui esecuzione congiunta in un solo concerto è una rarità.

Lo spirito artistico che rappresenta questo organico è quello di alternare Musica da Camera (Concerti per Voce e Pianoforte, Duetti, Trii, Quartetti, Sestetti. etc) con l’attività di Orchestra da Camera. L’Ensemble, formato da docenti di Ruolo nei Conservatori Italiani, ex Prime Parti presso eccellenti Fondazioni Lirico-Sinfoniche che spesso svolgono attività come Concertisti all’Estero, si è specializzato in un repertorio che naviga fra il Settecento, l’Ottocento, il Novecento storico e la Musica contemporanea, presso l’aula magna del Palazzo della Cancelleria a Roma.
PROGRAMMA
W. A. Mozart
Symphonie nr. 39 KV 543
Symphonie nr. 40 KV 550
Symphonie nr. 41 KV 551

Ensemble Elysium
Direzione Artistica e Musicale: Alberto Maria Giuri
Organico:
Violino Principale (Konzertmeisterin): Francesca Vicari
Flauto: Alessandra D’Andrea
Oboi: Marco Corsini, Ambra Guccione
Clarinetti: Francesco Belli, Andrea Loccia
Fagotti: Marco Dionette, Antonio De Santis
Corni: Daniele Iacomini, Andrea Puccetti
Trombe: Daniele Masella, Michele Civitano
Timpani: Carlo Capuano
Violini Primi: Francesca Vicari, Maria Carmela Li Pizzi, Nataliya Nykolayishyin, Ilenia Lombardi
Violini Secondi: Pierluigi Pietroniro, Maurizio Tarsitani, Maurizio Cappelari, Giancarlo Ceccacci
Viole: Francesco Negroni, Costanza Negroni, Teresa Iannilli, Alessandro Acqui
Violoncelli: Francesco Sorrentino, Kyungmi Lee, Marco Simonacci
Contrabbassi: Maurizio Turriziani, Mariadele Falcone.

Alberto Maria Giuri è nato a Roma nel 1959, ha iniziato giovanissimo gli studi musicali e si è diplomato nel 1983 in Direzione d’Orchestra al Conservatorio “S.Cecilia” di Roma con Bruno Aprea. Si è perfezionato all’Accademia Musicale Chigiana come Allievo Effettivo con Franco Ferrara, a Vienna partecipando nel 1984 al Concorso Internazionale “H.Swarowsky”, conseguendo il Diploma d’Onore, ed all’Accademia Nazionale di S.Cecilia nel 1989 in una Masterclass tenuta da Leonard Bernstein.

* Nel 1985 ha diretto la Sinfonia nr. 7 di Beethoven per il concerto inaugurale dell’Orchestra da Camera del Teatro dell’Opera di Roma .

* Nel 1987 il suo debutto operistico con “La Finta Giardiniera” di Mozart per il Festival di Fermo, con la regia di Stefano Vizioli.

* Nella stagione 1987/1988 è stato assistente musicale personale di Mstislav Rostropoviç per l’allestimento dello spettacolo inaugurale dell’Opera di Roma con “La sposa dello Zar” di Rimsky-Korsakov .

* Ha diretto per il XXVI° Festival di Nuova Consonanza numerose prime esecuzioni di compositori italiani contemporanei, concerti che sono stati trasmessi da RadioTre .

* Nel 1990 ha diretto le “Enigma Variations” di Elgar nell’ambito del XXXIII° Festival dei Due Mondi di Spoleto e nell’ambito dello stesso Festival gli è stato conferito il “Premio Spoleto – Principe di Galles” quale migliore artista della sezione giovanile. Nel 1991 ha diretto per il XXXIV° Festival dei Due Mondi un concerto sinfonico, ottenendo un grande successo personale con l’esecuzione della Sinfonia nr. 4 di Tchaikovskij .

* La sua esperienza donizettiana inizia nell’autunno del 1992, quando gli viene offerto da Gian Carlo Menotti di inaugurare con“Il Duca d’Alba”, nello storico allestimento di Luchino Visconti, il Festival Spoleto-U.S.A. Charleston ed il XXXV° Festival dei Due Mondi a Spoleto.Inizia così un meticoloso lavoro di ricostruzione, con la preziosa collaborazione del Dr. William Ashbrook e della Dott.ssa Ilaria Narici di Casa Ricordi, della versione completata da Matteo Salvi per la prima esecuzione mondiale dell’opera al Teatro Apollo di Roma nel 1882, 34 anni. La stessa produzione è stata eseguita al Teatro Carlo Felice di Genova per le manifestazioni celebrative di Cristoforo Colombo.

* Nel giugno 1993 è stato nominato, attraverso una selezione nazionale, Direttore Artistico e Stabile dell’Orchestra Sinfonica di Bari.

* Ha debuttato sul podio dell’Orchestra e del Coro dell’Accademia Nazionale di S.Cecilia, dopo aver collaborato con l’orchestra come Assistente dei Maestri Valery Gergiev (Bruckner: Sinfonia nr. 9) e Carlo Maria Giulini (Bach: Messa in si min.), inaugurando il Festival Barocco di Viterbo ( settembre 1994 ) con in programma Mozart e Tchaikovskij. Successivamente è stato chiamato a sostituire il M° Daniele Gatti, improvvisamente indisposto, in un concerto in stagione 1994/1995 che comprendeva, oltre alla Sinfonia nr.7 di Beethoven, un brano in prima esecuzione mondiale di Aldo Clementi.

* Nel giugno 1995 il suo debutto nel Regno Unito con un concerto nella Cattedrale di Winchester con la Bournemouth Symphony Orchestra ed ad ottobre in Francia con l’Orchestre de Picardie, dove ha collaborato con Patrick Gallois.

* Nel giugno 1996 ha diretto una nuova produzione di “Evgenij Onegin” di Tchaikovskij con la regia di Giancarlo Menotti per il XXXIX° Festival dei Due Mondi di Spoleto, dove ha riscosso unanime successo di critica e di pubblico (Paolo Isotta , Corriere della Sera ,1 – 7 – 96 : Giuri è il più compiuto talento direttoriale italiano sotto i quaranta anni). Al termine del suddetto Festival è stato insignito del “Premio Pegaso” offerto dalla Mobil Oil Italia annualmente al migliore artista della manifestazione.

* Nel novembre 1996 ha diretto la prima mondiale dell’opera “ Bellini – Ultime luci “ di Marco Betta al Teatro Rendano di Cosenza, esecuzione che è stata registrata in CD.

* Ha diretto nel marzo 1997, con grande successo, un programma, compreso nella stagione ‘96/’97 dell’Accademia Nazionale di S.Cecilia, interamente dedicato a Donizetti per il Bicentenario, comprendente tra l’altro i tre “Finali Tudor” (“Anna Bolena”, “Maria Stuarda”, “Roberto Devereux”) con la partecipazione di Edita Gruberova.

* Ha debuttato nell’aprile dello stesso anno sul podio della Rotterdam Philarmonic Orchestra, con un programma comprendente musiche di Puccini e Leoncavallo.

* Nell’ottobre 1997 ha diretto alla “ Nantes Opera “ per una produzione de “Il Trovatore“ di Verdi con la regia di Lorenzo Mariani; il mese successivo lo ha visto sul podio della Orchestra Sinfonica di Milano “G. Verdi” nelle “Celebrazioni Donizettiane” di Bergamo per il Centenario della nascita con un allestimento di “Lucia di Lammermoor” per la regia di Ermanno Olmi. Entrambe le produzioni hanno riscosso grande successo di pubblico e di critica.

* Nel febbraio 1998 il suo debutto a Milano sul podio dell’Orchestra dei Pomeriggi Musicali, con un programma comprendente la prima esecuzione italiana del Concerto per violino di J.Adams.

* Nel maggio 1998 è stato invitato dalla San Francisco Opera per una produzione di “Carmen” di Bizet con la regia di Lotfi Mansouri.

* Il 12 luglio 1998 ha diretto il “Concerto in Piazza” finale del XXXXI° Spoleto Festival, con in programma musiche di Rachmaninov (“Le Campane” op.35) e Tchaikovskij (Ouverture Solennelle “Anno 1812”). Il concerto è stato trasmesso in diretta televisiva e radiofonica da RaiDue e RadioTre.

*Nell’ambito del XXXXII° Spoleto Festival (1999) ha diretto un Concerto lirico-sinfonico in omaggio a Pushkin per le celebrazioni del Bicentenario della nascita, con musiche di Tchaikovskij.

* Per la Stagione Sinfonica 2000 è stato nominato “Principale Direttore Ospite” della Orchestra Regionale del Lazio, con la quale, in collaborazione con “EuropaFestival” di Ferentino e “Spoleto Festival”, ha realizzato a Pasqua la produzione de “L’Arte della Fuga” BWV 1080 di Bach in una sua trascrizione per soli, coro ed orchestra.

* Nel febbraio 2002 ha diretto un concerto all’Auditorium di Milano con l’Orchestra Sinfonica di Milano “Giuseppe Verdi”, con musiche di Saint-Saens e Stravinskij.

* E’ stato Segretario Artistico della Fondazione “Gran Teatro La Fenice” nella Stagione di riapertura 2004/2005 dopo la ricostruzione.

* Dal 2005, su invito diretto del Maestro Jury Temirkanov, è regolarmente chiamato a dirigere la St. Petersburg Philarmonic Orchestra, con la quale ha eseguito musiche di Brahms, Bruckner, Skrjabin, Tchaikovskij, Wagner. Rinnovando lo straordinario rapporto affettivo ed artistico con la leggendaria Orchestra russa, è tornato nella stagione 2008/2009 per un concerto interamente dedicato a Giacomo Puccini, che ha riscosso un grande successo di pubblico, per festeggiare il 150mo Anniversario della nascita del grande Compositore.

* Ha diretto in prima esecuzione mondiale il brano “for Ennio” di Michael Nyman, con il Compositore al pianoforte, in occasione del concerto festivo dedicato all’ottantesimo compleanno del Maestro Ennio Morricone, al “Parco della Musica” in Roma.

* Nel 2017 a diretto, a Spoleto, il “Concerto in memoriam Gian Carlo Menotti”, nel decennale della scomparsa del Maestro, scrivendo per lui una sua Composizione in prima esecuzione assoluta dal titolo “Memoires”, eseguita dall’Ensemble “Gian Carlo Menotti”.

Ingresso solo per inviti.

 

Controlla anche

Casola Valsenio (Ravenna) capitale della speleologia

Da quasi trent’anni vi si svolge un’originale manifestazione dedicata ai frutti dimenticati. Ma Casola Valsenio, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *