Home / Comunicazione / Saperi / Roma, esperienze esaltanti firmate Klimt

Roma, esperienze esaltanti firmate Klimt

A Roma fino al 10 giugno 2018 presso la splendida location del Complesso monumentale San Giovanni-Addolorata (Sala delle Donne) in piazza di San Giovanni in Laterano 74 è possibile ammirare la mostra “Klimt Experience” un suggestivo percorso e multimediale – totalmente immersivo – dedicato alla vita e alle opere del padre fondatore della Secessione Viennese che, insieme ad altri artisti, coltivò il mito dell’opera d’arte totale, della democratizzazione del bello e della creatività. Opere come “Il Bacio”, “L’Albero della vita”, oppure “Giuditta”, sono entrate a far parte della cultura popolare. Eppure Klimt resta un artista da scoprire e soprattutto da raccontare.

Obiettivo del percorso esperienziale è entusiasmare e affascinare un pubblico di giovani e adulti, invitandoli ad approfondire la conoscenza dell’uomo e dell’artista, la comprensione delle sue opere, la lettura stilistica attraverso la messa in scena spettacolare dei dettagli e della sua tecnica pittorica.

“Klimt Experience” si concretizza in un percorso-viaggio altamente onirico grazie in particolare alle nuove tecnologie e alla forza espressiva della narrazione per immagini e suoni, pensata e realizzata dal regista Stefano Fomasi. I visitatori, dopo una prima saletta con le riproduzioni di alcune opere dell’artista (sezione dove vengono contestualizzate la vita e l’avventura artistica di Gustav Klimt con un taglio didattico) e una seconda sala “visual” con una ventina di monitor che proiettano immagini di opere e pensieri dell’artista austriaco, un enorme salone con maxi schermi offre gigantografie digitali con la summa dell’inimitabile arte klimtiana, evocata dalle opere selezionate dallo storico dell’arte Sergio Risaliti. Infine due ambienti: la sala degli specchi che assicura un magico caleidoscopio di segni e figure che si susseguono nelle pareti, sul pavimento e sul soffitto, obiettivo di infiniti selfie da parte dei numerosi visitatori (tanti i giovanissimi, per fortuna); infine l’esperienza della realtà virtuale in 3D con gli Oculus VR sviluppata in esclusiva per Klimt Experience da Orwell Milano.

Un atmosfera glamour accompagna tutta la visita, ribadita nella parte conclusiva dell’itinerario dall’esposizione degli abiti riprodotti interpretando i disegni e le textures creati ormai oltre un secolo fa da Gustav Klimt.

“Klimt Experience” può, in definitiva, essere a pieno titolo considerato un format del tutto innovativo, che propone al visitatore un percorso che è un’immersione totale, senza soluzione di continuità, in un mondo simbolico, enigmatico e sensuale, dove si realizza il trionfo di un’arte senza confini: un tributo al grande maestro viennese nell’anno in cui si celebrano i cento anni dalla sua morte.

Dopo il grande successo di pubblico e di critica ottenuti dalle mostre al Complesso di Santo Stefano al Ponte a Firenze, al Mudec di Milano ed alla Reggia di Caserta (oltre 270.000 visitatori complessivi), fino al 10 giugno 2018 è quindi la scenografica cornice della Sala delle Donne all’interno dell’Ospedale San Giovanni-Addolorata, gioiello dell’architettura romana della seconda metà del XVII secolo recentemente riportata a nuovo splendore da un’accurata opera di restauro, ad offrire un’impareggiabile estraniazione dalle banalità della vita quotidiana grazie alle opere di un genio rese in una forma strepitosa.

(Gi.Ca.)

Controlla anche

“La cucina dei Monsù”, il nuovo libro di Mario Liberto

“La cucina dei Monsù nel Regno delle Due Sicilie” è l’ultimo volume di Mario Liberto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *