venerdì , Aprile 19 2019
Home / Comunicazione / Treni regionali e metro: nonostante le criticità, aumenta il numero degli utenti

Treni regionali e metro: nonostante le criticità, aumenta il numero degli utenti

Cresce il numero di chi prende treni regionali e metropolitane: 5,6 milioni di persone al giorno. Ovunque si investa, i pendolari del treno aumentano ma crescono le differenze tra le regioni e le opere necessarie ai pendolari sono senza risorse.

Questi i principali risultati del “Rapporto Pendolaria 2018” di Legambiente che da dieci anni analizza la situazione del trasporto ferroviario in Italia, con numeri, storie e il duplice obiettivo di illustrare i risultati di politiche e investimenti e di dare forza alla costruzione di un Paese più sostenibile.

Il numero dei passeggeri aumenta, toccando quota 5,59 milioni e segnando un nuovo record rispetto al 2012 (più 7,9 per cento in quattro anni). Sono infatti due milioni e 874mila coloro che ogni giorno usufruiscono del servizio ferroviario regionale e due milioni e 716mila quelli che prendono ogni giorno le metropolitane, presenti in sette città italiane, in larga parte pendolari.

Ma il paradosso c’è: diminuiscono i chilometri di linee disponibili e la crescita nasconde differenze rilevanti nell’andamento tra le diverse Regioni e tra i diversi gestori.

In alcune parti del Paese la situazione è migliorata, mentre in altre è peggiorata e si è ampliata la differenza nelle condizioni di servizio. Il trasporto ferroviario soffre della riduzione dei finanziamenti statali, con una diminuzione delle risorse nazionali stanziate tra il 2009 e il 2018 pari a -20,4 per cento (che potrebbe diventare del 26,2 per cento se confermato un taglio ulteriore di 300 milioni) mentre i passeggeri crescevano del 6,8 per cento.

(Gia.Cas.)

Check Also

Unsic lancia campagna su “Taranto positiva”

Provate a cercare la parola “Taranto” su Google e scoprirete che spesso la parte peggiore …