domenica , Maggio 19 2019
Home / Comunicazione / Sondaggio, due romani su tre andrebbero a vivere all’estero dopo la pensione

Sondaggio, due romani su tre andrebbero a vivere all’estero dopo la pensione

CanarieDopo la pensione? La valigia. Perché di fronte alla prospettiva di assegni sempre più bassi, quasi due romani su tre (63 per cento) si dicono disposti addirittura a trasferirsi all’estero per poter mantenere uno stile di vita simile a quello attuale e trovare un ambiente e servizi più adatti alla terza età, senza trascurare la possibilità di fare nuove, piacevoli esperienze.

È il quadro che emerge dall’Osservatorio di Reale Mutua dedicato al welfare.

Più della metà dei romani (55 per cento), secondo il campione, teme che la propria pensione non sarà sufficiente a mantenere un tenore di vita adeguato una volta usciti dal mondo del lavoro, e un ulteriore 22 per cento vede molta incertezza all’orizzonte.

Tra i principali timori, quello di non poter sostenere le spese mediche di cui si potrebbe aver bisogno andando in là con gli anni (54 per cento), o persino cadere in povertà assoluta (30 per cento), non riuscire a dare sostegno economico a figli e nipoti (28 per cento) e dover gravare economicamente sulla famiglia anche per le necessità quotidiane (15 per cento).

Non si tratta solo di pessimismo. A gettare ombre sul futuro pensionistico degli abitanti della capitale sono anche le difficoltà del presente, a partire dalla precarietà del lavoro (48 per cento) e dall’instabilità dello scenario economico (48 per cento). Incidono anche una generale difficoltà a risparmiare per la vecchiaia (46 per cento), gli imprevisti e spese straordinarie, che costringano a metter mano al portafoglio anzitempo (41 per cento) e l’incertezza del quadro normativo (26 per cento) del momento.

Tra le misure a cui guardano i romani per integrare la pensione e prepararsi agli anni della vecchiaia primeggia l’investimento nel mattone. Un dato interessante (50 per cento), che si discosta dalla media nazionale (25 per cento), segno del fatto che a Roma la casa rappresenta ancora un bene rifugio in tempi incerti.

L’indagine è stata condotta dall’istituto di ricerca Nextplora su un campione rappresentativo della popolazione italiana per quote d’età, sesso ed area geografica.

(Gi.Ca.)

Check Also

Lettura libri: Italia fanalino di coda in Europa

L’Italia resta fanalino di coda nell’Unione europea per lettura di libri. Non solo: nei primi …