lunedì , Giugno 21 2021
Home / Centro studi / Cosa sta accadendo in Congo

Cosa sta accadendo in Congo

La tragica morte del nostro ambasciatore Attanasio, del carabiniere Iacovacci e dell’autista Milambo in Congo ripropongono grandi temi generali, che in questi anni sono stati oggetto di dibattito e anche di polemica politica.

Diciamo innanzitutto che per fortuna certe polemiche sono riemerse solo in minima misura in questa triste circostanza: il cordoglio e l’ammirazione per l’ambasciatore sono unanimi. E’ infatti particolarmente lodevole che un diplomatico, abbia voluto verificare di persona un problema umanitario in un villaggio congolese, interpretando responsabilmente e ampiamente i suoi compiti di monitoraggio e controllo dell’impiego delle risorse italiane della Cooperazione allo sviluppo che le agenzie Onu ricevono da Roma (forse andando oltre il suo dovere, o almeno contro la prassi più prudente seguita da altri diplomatici: succede, ai migliori e ai più coraggiosi, non per niente nelle definizioni di eroismo si menziona appunto il saper andare oltre al dovere).

Nel caso di rapimenti o aggressioni subìte da operatori umanitari privati, cioè di organizzazioni non governative, si era insinuato da più parti che avessero avuto comportamenti irresponsabili o poco cristallini, o che “se la fossero cercata”: una vera e propria campagna diffamatoria contro le Ong. I complottisti, oggi, non arrivano a questo per Attanasio, se mai se la prendono con il governo, che non l’avrebbe protetto con auto blindate e scorte armate, oppure con le agenzie Onu che avrebbero dato il “via libera” per percorrere quella strada. Qui c’è l’unico punto davvero dolente: è tutto lì, anche se è molto; in zona di guerra, esistono dei security officer che redigono una valutazione di sicurezza, ed è evidente che la valutazione di sicurezza fornita all’ambasciatore italiano era sbagliata. Se per destino, circostanze, errore umano, oppure incompetenza e colpa grave, non è dato sapere per ora, e questo andrà indagato. Da questo punto discende ogni altra valutazione: non è questione di dotare il corpo diplomatico di autoblinde e mitragliatrici, codesta è una discussione oziosa, perché, semplicemente, se ci fosse stata un’altra valutazione di sicurezza Attanasio non sarebbe partito.

Diradato, per quanto possiamo, questo polverone, c’è tanto di cui discutere: cosa sta accadendo in Congo, dove dopo anni di guerra permane una situazione di violenza diffusa e guerriglia al limite tra ribellioni politiche e criminalità organizzata? Cosa dobbiamo e possiamo fare come Paesi europei e come Italia? E’ giusto continuare a delegare alle agenzie Onu il grosso degli interventi, oppure la Cooperazione italiana dovrebbe riprendere un ruolo attivo e più indipendente? Riusciremo d’ora in poi a ricordarci che il problema dei barconi dei disperati che fuggono dalla Libia verso la Sicilia è soltanto il sintomo della grande crisi africana, e a ricordarcene tutti i giorni, non solo quando colpiti da un evento tragico, che rischia poi di finire archiviato fino alla prossima volta?

Per ora, lasciamo queste domande in sospeso.

(Luca Cefisi)

Check Also

olimpiadi

Olimpiadi, comitato apre le porte al pubblico: max 10mila spettatori

Nonostante le molte polemiche e i molti dubbi, si fa sempre più vicina la data …