sabato , Dicembre 5 2020
Home / Comunicazione / Oltre frontiera / Il Congo vince la sua battaglia contro l’undicesima epidemia di Ebola

Il Congo vince la sua battaglia contro l’undicesima epidemia di Ebola

Buone notizie dal Congo: finalmente debellata l’undicesima epidemia di Ebola, dopo quasi sei mesi dalla segnalazione dei primi casi nella provincia dell’Equateur. L’annuncio arriva direttamente dall’Oms che, in un comunicato del 18 novembre, ha spiegato le difficoltà incontrate dai soccorritori operanti sul territorio della Repubblica Democratica del Congo che hanno dovuto muoversi tra fitte foreste pluviali e le affollate aree urbane, per raggiungere le comunità interessate dall’epidemia.

Più di 40 mila persone ad alto rischio sono state vaccinate, traguardo reso possibile grazie all’utilizzo di un innovativo sistema di stoccaggio della catena del freddo per mantenere il vaccino contro l’Ebola a temperature fino a -80 gradi Celsius. I congelatori impiegati in Congo, sono in grado di mantenere i vaccini a temperature molto basse sul campo per un massimo di una settimana e hanno consentito ai soccorritori di vaccinare le persone nelle comunità anche senza elettricità.

“Il superamento di uno dei patogeni più pericolosi del mondo in comunità remote e di difficile accesso dimostra cosa è possibile fare quando scienza e solidarietà si uniscono”, ha affermato il dottor Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’Oms per l’Africa. “La tecnologia utilizzata per mantenere il vaccino contro l’Ebola a temperature molto fredde sarà utile quando si porterà un vaccino Covid-19 in Africa. Affrontare l’Ebola parallelamente alla pandemia di coronavirus non è stato facile, ma gran parte dell’esperienza che abbiamo costruito in una malattia è trasferibile a un’altra e sottolinea l’importanza di investire nella preparazione alle emergenze e nello sviluppo delle capacità locali “.

L’epidemia nella parte occidentale della Repubblica Democratica del Congo, annunciata il 1° giugno 2020, è iniziata mentre un’altra epidemia di Ebola nella parte orientale del paese si stava esaurendo, dichiarata finita il 25 giugno 2020. Le due epidemie erano geograficamente distanti. L’analisi del sequenziamento genetico ha rilevato che non c’era correlazione. Alla fine dell’attuale undicesima epidemia di Ebola nella provincia dell’Equateur ci sono stati 119 casi confermati, 11 probabili, 55 morti e 75 persone guarite.

La provincia dell’Equateur è stata anche il sito della nona epidemia di Ebola nel paese, che è stata superata in poco più di tre mesi nel 2018 e ha fatto registrare la metà dei casi. Tuttavia, la risposta all’undicesima epidemia di Ebola ha dovuto fare i conti anche con la pandemia Covid-19, che ha messo a dura prova le risorse e creato difficoltà intorno al movimento di esperti e rifornimenti. La sfida è stata maggiore per il gran numero di casi verificatosi in comunità remote, spesso accessibili solo in barca o in elicottero e, a volte, anche a causa della resistenza dimostrata dalle comunità locali.

Le vaccinazioni sono partite solo quattro giorni dopo la dichiarazione dell’epidemia. Circa il 90 per cento dei vaccinatori proveniva dal territorio stesso.  I soccorritori hanno lavorato a stretto contatto con i membri della comunità per aumentare la comprensione del virus, visitando più di 574 mila famiglie e fornendo a più di 3 milioni di persone informazioni pertinenti sulla salute e la sicurezza.

“La fine di questa epidemia – ha sottolineato l’Oms – serve a ricordare che i governi ed i loro partner devono continuare a concentrare l’attenzione anche sulle altre emergenze, anche se la lotta contro Covid-19 persiste. C’è bisogno di maggiori investimenti per rafforzare le capacità fondamentali dei Paesi nell’attuazione del Regolamento Sanitario Internazionale. Migliorare la preparazione porterà a una migliore risposta alle minacce derivanti da malattie a tendenza epidemica e si tradurrà in un minore impatto sociale ed economico”.

Check Also

bush

Usa: Obama, George W.Bush e Bill Clinton in prima linea per il vaccino

Stati Uniti, big in prima fila per la campagna di vaccinazione anti-Covid. E saranno nomi …