sabato , Dicembre 10 2022
Home / Comunicazione / Oltre frontiera / Mare Climaticum Nostrum: gli impatti meteo climatici nei Paesi del Mediterraneo

Mare Climaticum Nostrum: gli impatti meteo climatici nei Paesi del Mediterraneo

La conferenza euro-mediterranea vede impegnati per la prima volta scienziati, esperti, decisori politici, associazioni e organizzazioni nazionali e internazionali, e tutte le strutture di protezione civile dei Paesi che affacciano sul Mare Nostrum, su varie tematiche con sessioni e panel a partire dalle analisi scientifiche delle dinamiche climatiche in corso con proiezioni anche a lunga scadenza degli impatti a partire da alluvioni e siccità, desertificazioni e aumento del livello del mare, che già colpiscono aree costiere e interne. Durante l’evento verranno presentati, verso una strategia inter-istituzionale concertata su ambiente, sviluppo sostenibile ed economia circolare, coinvolgendo la società civile ed i principali stakeholders: i piani di adattamento, le tecnologie più innovative di previsione e controllo di rischi naturali e meteo-climatici, le innovazioni per le transizioni energetiche e la produzione di energia rinnovabile.

La scelta del Mediterraneo come oggetto di studio non è casuale. Il Mediterraneo è uno dei “laboratori” degli effetti del riscaldamento globale. Nell’area mediterranea il cambiamento climatico corre ad una velocità del 20 per cento superiore alla media globale, e la temperatura pre-industriale è già stata superata da un range da 1,2 a 3°, con variabili climatiche compromesse, che fa sì che la regione mediterranea sia un hotspot di effetti climatici con deficit pluviometrici prolungati ed eventi meteo con elevate magnitudo e veri uragani tropicali detti Medicane, che determinano effetti sulle acque e l’ambiente naturale, l’agricoltura e le aree urbane, la salute, le migrazioni.

Ci misuriamo con nuove sfide nell’area del Mediterraneo, una regione particolarmente fragile dove l’incremento delle temperature è più veloce rispetto alla media globale e l’accesso all’acqua dolce si riduce progressivamente, accrescendo l’insicurezza idrica per decine di milioni di persone. È urgente agire e rafforzare le azioni di collaborazione in corso in azioni di: conservazione e gestione sostenibile delle risorse idriche, innovazioni nell’agricoltura, il riciclo dell’acqua e le risorse non-convenzionali, il miglioramento della qualità dell’aria e dell’inquinamento, la gestione delle aree portuali, lo sviluppo delle energie rinnovabili.

Il panel è articolato in tre giornate con diverse sessioni, nelle quali affrontare 6 aree tematiche.

Rapporto sul clima – Gli effetti prodotti e previsti dal cambiamento climatico, a media e lunga scadenza sulle acque.Coordinata da Antonio Navarra presidente del Centro Euromediterraneo per i Cambiamenti Climatici con scienziati e centri di ricerca e università dei Paesi mediterranei.

Climate – Smart Agriculture – Agricoltura e cambiamento climatico: sfide e opportunità.
Coordinato da AICS, con delegati della FAO, UE, Nord Africa, scienziati, centri di ricerca e università.

Acqua e crisi climatica – Il cambiamento climatico sta perturbando i modelli metereologici, portando a eventi metereologici estremi, disponibilità di acqua imprevedibile, aggravando la scarsità di acqua e contaminando le riserve idriche. Il mondo deve diventare più intelligente nel consumo di acqua.

Transizione energetica – La transizione energetica fondata sulla produzione di energie rinnovabili. Tecnologie, governance e policy per la mitigazione e l’adattamento nei vari Paesi e su scala regionale. Gli investimenti e le agende per lo sviluppo.

Gestione delle emergenze – Confronto con i direttori e i responsabili delle Protezioni Civili dei Paesi mediterranei, coordinata da Fabrizio Curcio, capo della Protezione Civile italiana.

Adattamento e mitigazione – Strategia e programmi d’azione sull’adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici, coordinato dal ministro per il Sud e la Coesione Territoriale e dall’Agenzia italiana per la Coesione territoriale.

Check Also

Germania in testa nella crescita dei salari in Europa

La crescita dei salari ha subìto una forte accelerazione all’inizio del 2022, in sei delle …