mercoledì , Giugno 16 2021
Home / Comunicazione / Omaggi ai Borghi d'Italia / Castel San Pietro Terme: arriva il rinomato olio del Palazzo di Varignana

Castel San Pietro Terme: arriva il rinomato olio del Palazzo di Varignana

Palazzo di Varignana, esclusivo resort situato nel comune di Castel San Pietro Terme sui colli bolognesi, ospita sulle sue terre il più grande oliveto di tutta l’Emilia Romagna che si estende per oltre 150 ettari di poderi che cingono il resort come una corona.

Nato con la precisa volontà di ridare vita alla storia, alle radici e alle ricchezze di questo territorio, il progetto di Palazzo di Varignana è iniziato nel 2013 con il restauro del prestigioso Palazzo Bargellini-Bentivoglio e successivamente sviluppatosi nel 2015 con la costituzione dell’azienda agricola Agrivar che ha puntato tutto sul recupero di antiche coltivazioni autoctone e sulla creazione di una linea di prodotti agroalimentari a marchio proprio. Qualità e quantità si sono incontrati in un lavoro che ha ridisegnato pian piano il paesaggio, riportando le antiche cultivar autoctone a punteggiare i colli bolognesi. 

Una storia d’amore con la natura, diventata un caso emblematico per la capacità di ripristinare una filiera integrata – dalla coltivazione al prodotto finito – che ogni stagione propone tre monocultivar e due speciali blend di Extravergine di Oliva di altissima qualità.

Ora è tempo di olio nuovo a Palazzo di Varignana e come ogni anno l’azienda agricola rinnova la propria proposta di Oli Extravergine di Oliva di altissima qualità, presentando tre Monocultivar frutto della campagna olearia 2020: Claterna, Vargnano e Stiffonte. Prodotti d’eccellenza di una filiera integrata a km zero, che hanno ricevuto i più importanti riconoscimenti internazionali, tra cui le Tre Foglie del Gambero Rosso, il Gold Award alla New York Olive Oil Competition e il Gold Prize al Japanese Olive Oil Prize

Non a caso l’Agrivar è stata inserita tra le 500 migliori aziende di produzione olearia al mondo dalla Guida FLOS OLEI 2020, unanimemente considerata la più importante pubblicazione di settore a livello internazionale.

L’ANNATA OLEARIA 2020/21
Frutto di una raccolta precoce, l’annata olearia 2020-21 conferma quell’esplosione di sapori e profumi che hanno reso l’Olio di Palazzo di Varignana uno dei più premiati al mondo.
 

“La campagna olearia 2020 si è contraddistinta per frutti perfetti e risultati qualitativi eccellenti, con una maturazione precoce delle olive dovuta a un’abbondante fioritura primaverile, seguita da un’estate asciutta – spiega Alessandro Ottanelli, Oleologo di Palazzo di Varignana – La raccolta ha avuto inizio nei primissimi giorni di ottobre con le varietà più precoci quali Maurino e Leccino, per poi proseguire con le cultivar più identitarie del territorio come la Nostrana e la Ghiacciola. Entro poche ore dal momento della raccolta, le olive sono state frante per preservare ed esaltare i profumi e sentori identificativi delle singole cultivar”.
 
Ciascun cultivar esprime una propria identità, che si traduce ogni stagione in un olio diverso, come una tavolozza composta da varie sfumature di verde, con tonalità olfattive che spaziano dai fruttati medi a quelli intensi.

“CLATERNA”: IL MONOCULTIVAR DI GHIACCIOLA

Punta di diamante della produzione di Palazzo di Varignana è il “Claterna”, Monocultivar Ghiacciola, realizzato con una singola varietà di oliva tipica dell’Emilia Romagna, la Ghiacciola appunto. Pluripremiato dalle principali guide di settore, ha ricevuto la menzione “Grande Olio” dalla Guida agli Extravergini 2019 di Slow Food e nel 2020 le “Tre Foglie”, il massimo riconoscimento della Guida Oli d’Italia del Gambero Rosso.
Alle menzioni nazionali, si sono poi affiancati altri riconoscimenti mondiali: il Gold Award 2019 e 2020 al Japanese Olive Oil Prize (JOOP), il più importante concorso internazionale del panorama giapponese dell’olio d’oliva e il Gold Award alla 2019 e 2020 New York Olive Oil Competition. Tutti gli Extravergine di Palazzo di Varignana sono, inoltre, entrati nella prestigiosissima guida Flos Olei 2020.


Frutto di una raccolta a mano da piante di circa 6 anni, il Claterna si caratterizza per il suo fruttato intenso, perfetto da abbinare a bruschette, tartare di pesce, arrosti di pesce e carne alla griglia. Si presenta all’olfatto avvolgente con sentori erbacei freschi e di foglia di pomodoro. Al palato denota una complessità che spazia da erbe aromatiche a mandorla fresca; all’apertura risulta dolce, segue un piccante deciso.

“VARGNANO”: IL MONOCULTIVAR DI NOSTRANA
È un olio ottenuto dalle sole olive della cultivar Nostrana di Brisighella, raccolte precocemente a mano a inizio ottobre. Particolarmente indicato per esaltare piatti a base di carpaccio e tartare di pesce, tartare di manzo, legumi bolliti, arrosti di pesce.  Di colore verde chiaro brillante, al naso si avvertono  eleganti note aromatiche di erba appena tagliata e di carciofo, che proseguono al palato con  notevole persistenza. Chiude un piccante di oliva verde molto elegante.
Tra i premi ricevuti: il Gold Award al Japanese Olive Oil Prize (JOOP)  e alla New York Olive Oil Competition.
 
“STIFFONTE”: IL MONOCULTIVAR DI CORREGGIOLO
È un olio monovarietale realizzato con cultivar Correggiolo, tipica dell’Emilia Romagna.
Le olive sono state raccolte la seconda decade di ottobre, quando erano al 50% dell’invaiatura. L’olio è ideale con verdure fresche e gratinate, carpaccio, zuppe di legumi bolliti; ottimo su carni di cacciagione e alla brace. Si caratterizza per un piccante e amaro di grande intensità, a cui segue un fruttato medio con spiccate note di cardo ed erbe aromatiche.

Check Also

Castelbuono, il laboratorio della creatività

Lavorare, come in una favola senza tempo. In un castello del Trecento. O in un …