mercoledì , Agosto 17 2022
Home / Comunicazione / Omaggi ai Borghi d'Italia / In attesa del centenario della Ferrovia Vigezzina-Centovalli

In attesa del centenario della Ferrovia Vigezzina-Centovalli

Ph. Christian Guerra

Pluripremiata (Lonely Planet, dopo il riconoscimento del 2018, ha recentemente riconfermato la storica linea nella top ten delle “ferrovie più spettacolari d’Europa”) e amatissima da viaggiatori di ogni età, la Ferrovia Vigezzina-Centovalli collega ogni giorno Locarno, elegante cittadina sulla sponda ticinese del Lago Maggiore, con Domodossola, cuore antico della Val d’Ossola.

Viaggiano ininterrottamente dal 1923 i caratteristici treni bianchi e blu della Vigezzina-Centovalli, che si sta dunque preparando per festeggiare con importanti celebrazioni i suoi primi 100 anni di vita. Quello che è oggi uno dei più apprezzati attrattori turistici dell’area compresa tra l’Ossola e il versante svizzero del Lago Maggiore, annuncia una
seconda parte di stagione 2022 senza più limitazioni legate alla pandemia da Covid-19 (permane l’obbligo di mascherina FFP2 a bordo) e con una ricca proposta di esperienze ed eventi.

A partire da un estivo tuffo nel verde della natura incontaminata della Valle Vigezzo e delle Centovalli: grazie alla proposta speciale “Vigezzina no limits” i treni si trasformano in una metropolitana alpina, dando la possibilità di viaggiare liberamente per uno o due giorni lungo la tratta italiana tra Domodossola e Re, salendo e scendendo dai convogli illimitatamente per visitare i meravigliosi borghi della Val Vigezzo o incamminarsi lungo i sentieri della valle dei pittori.

Interessante anche l’offerta combinata che consente di raggiungere da Locarno in treno la stazione di Verdasio e da qui, con un viaggio di pochi minuti in funivia il Monte Comino, oppure, sul versante opposto, il piccolo e incantato villaggio alpino di Rasa: in quota i viaggiatori in cerca di un’esperienza rilassante e 100% naturale troveranno una perla nascosta delle Centovalli, l’ultimo borgo ticinese che non conosce le auto.

Nel cuore delle Centovalli si dipana l’antica Via del Mercato: un’antica mulattiera, ruscelli, boschi, mulini e panorami mozzafiato lungo lo storico percorso che parte da Camedo e raggiunge Intragna, entrambe stazioni della Ferrovia Vigezzina-Centovalli. Un’escursione che si può dunque combinare con il viaggio sui treni panoramici della linea internazionale.

La Ferrovia Vigezzina-Centovalli attraversa territori ricchi di cultura e di testimonianze tradizionali: dai Musei Civici di Domodossola, recentemente restaurati, che ospitano preziose collezioni d’arte, alla Fondazione Marguerite ARP di Locarno con le sue esposizioni di arte contemporanea e con la sua originale mostra temporanea dedicata alle Nuvole di Arp, un allestimento scenico grazie al quale le nuvole compaiono al passaggio del treno nel maestoso giardino della villa che ospita la fondazione. Oltre ai due capolinea anche le località toccate lungo l’itinerario su rotaia ospitano piccoli ed imperdibili musei: meritano certamente una visita il Museo dello Spazzacamino e la Casa del Profumo FeminisFarina di Santa Maria Maggiore, il primo dedicato al duro mestiere del fumista, il secondo alla vera storia dell’Acqua di Colonia, nata proprio tra queste montagne e diventata l’essenza più amata al mondo. In territorio svizzero da non perdere il Museo Regionale Centovalli e Pedemonte di Intragna con il maestoso campanile, il più alto del Canton Ticino con i suoi 65 metri.

La Ferrovia è anche mezzo ideale per visitare alcuni dei Santuari più affascinanti di questo spicchio alpino incuneato tra le Alpi e il Lago Maggiore: a Locarno il Santuario della Madonna del Sasso, a picco sulle acque del lago, uno dei siti storici e religiosi più importanti del Canton Ticino, a Domodossola il Sacro Monte Calvario Patrimonio Unesco e a Re, lungo il tragitto ferroviario, il Santuario della Madonna del Sangue, che ricorda il miracolo del XV secolo.

Da sempre i più piccoli rimangono a bocca aperta davanti allo spettacolo della natura che scorre davanti ai loro occhi durante il viaggio, ma sono numerosi gli spunti avventurosi per regalare a bimbe e bimbi un viaggio a bordo della Ferrovia Vigezzina-Centovalli: dal Praudina Adventure Park di Santa Maria Maggiore all’altalena gigante e panoramica di Swing the World presente a Rasa, fino alla coinvolgente esperienza del lama trekking sui sentieri del Monte Comino (destinazioni, queste ultime, raggiungibili con le funivie in partenza da Verdasio), senza dimenticare che grazie all’offerta famiglia i piccoli fino a 6 anni viaggiano sempre gratis e con il 50% di sconto fino a 16 anni.

Gli amanti dello shopping troveranno nelle località capolinea, Locarno e Domodossola, due cittadine con un’offerta commerciale ricchissima e profondamente legata alle tradizioni del territorio, ma non solo: il viaggio in treno dall’Italia alla Svizzera porta anche alla scoperta del mercato settimanale di Locarno (giovedì) e, in senso opposto, ogni sabato a passeggiare tra le bancarelle di quello di Domodossola.

Il territorio attraversato da quasi 100 anni dai convogli panoramici offre un caleidoscopio di eventi durante tutto l’anno e proprio per alcuni di questi la Ferrovia Vigezzina-Centovalli propone biglietti speciali e offerte per raggiungerli attraverso un viaggio sostenibile. Impossibile non citare il Raduno Internazionale dello Spazzacamino (che tornerà dal 2 al 5 settembre dopo due anni di stop) e il Mercatino di Natale nel ponte dell’Immacolata, entrambi organizzati a Santa Maria Maggiore. Sempre più amata è la proposta del Treno Storico, che viaggia da Locarno a Camedo e le cui prossime date estive sono in calendario il 24 luglio e il 28 agosto, mentre in autunno sarà possibile assaporare questo tuffo nel passato a bordo di convogli del secolo scorso il 25 settembre e il 9 ottobre.

Autunno, stagione di colori e sfumature uniche, lo sanno bene gli amanti del foliage, fenomeno naturale che è diventato negli ultimi anni una delle esperienze turistiche più apprezzate d’Italia, grazie anche al Treno del Foliage: tra ottobre e novembre, un viaggio tra i boschi infiammati dai caldi colori e le atmosfere rarefatte della stagione più romantica dell’anno.

Anche gli eventi culturali possono essere un ottimo motivo per mettersi in viaggio sui binari tra Locarno e Domodossola: in estate da non perdere due festival molto amati, Sentieri e Pensieri a Santa Maria Maggiore, in programma dal 18 al 25 agosto, e Domosofia, in calendario a Domodossola dal 14 al 18 settembre.

Locarno è invece patria del cinema grazie al Locarno Film Festival, in programma in Piazza Grande dal 3 al 13 agosto, rassegna di valore internazionale imperdibile per gli amanti del genere. Atmosfere di Natale, oltre che nel capoluogo della Valle Vigezzo, anche a Domodossola, con i tradizionali mercatini natalizi in programma il 17 e 18 dicembre, e, sulle sponde elvetiche del Lago Maggiore, con Locarno on Ice per tutto il periodo della feste.

Un viaggio nella natura, 365 giorni all’anno, tra borghi storici da scoprire e paesaggi da ammirare, lungo 52 km di binari incastonati tra montagne selvagge e gole profonde, accompagnati anche dal servizio gratuito di audioguide, a bordo di alcuni treni, per conoscere dettagli, curiosità e informazioni su uno dei percorsi ferroviari più amati dai viaggiatori di tutto il mondo.

Per ulteriori informazioni sulla Ferrovia Vigezzina-Centovalli:
WEB: www.vigezzinacentovalli.com
FB: www.facebook.com/FerroviaVigezzinaCentovalli
IG: https://www.instagram.com/ferroviavigezzinacentovalli

Check Also

Gallese (Viterbo), dal 7 al 10 agosto la Festa di San Famiano

La Festa di San Famiano è la celebrazione in onore del Patrono dell’antica Città di …