giovedì , Maggio 28 2020
Home / Comunicazione / Saperi / Il marketing e la fase 3: ne parliamo con Paolo Bomparola

Il marketing e la fase 3: ne parliamo con Paolo Bomparola

Gli operatori dell’intero comparto turistico guardano con mix di ansia e fiducia alla “Fase 3”, quel momento in cui, anche in Italia, potremo ricominciare a spostarci tra le diverse Regioni. La speranza è che durante i mesi estivi si registri un buon flusso turistico, così da aiutare le economie locali e tutti quegli esercizi commerciali che stanno attualmente vivendo una profonda crisi, come stabilimenti balneari, agenzie di viaggi, hotel, b&b, ristoranti, bar, ma anche negozi. 

Paolo Bomparola

In quest’ottica è necessario avviare sin da subito una strategia di web marketing per la promozione del territorio. Purtroppo, però, non tutte le amministrazioni pubbliche locali posseggono gli strumenti e le conoscenze necessarie.

Sentiamo in proposito Paolo Bomparola, ceo di Marketing01, azienda eletta tra i migliori 30 Google Premier Partner del mondo. Questa realtà si è fatta promotrice di una cordata di aziende e professionisti che metteranno gratuitamente a disposizione delle Regioni le proprie competenze in materia.

Marketing01 è oggi l’agenzia più grande a livello europeo per numero di account Google Ads del comparo travel e l’unica italiana ad aver partecipato al travel festival di Dublino, organizzato da Google per affrontare il tema dell’evoluzione delle prenotazioni turistiche online.

“L’emergenza da Covid-19 ha messo il turismo in ginocchio. Abbiamo più di 2.000 clienti in Italia tra strutture ricettive, agenzie viaggi, autonoleggi e altro che in questo momento stanno soffrendo profondamente, e sappiamo bene che anche a livello delle pubbliche amministrazioni locali la situazione è la medesima – spiega Bomparola. “Noi, come Marketing01, abbiamo un background di esperienza che ci permetterebbe di intervenire nel migliore dei modi, con azioni di marketing e campagne pubblicitarie, che potrebbero aiutare l’intero comparto. Per questo motivo abbiamo deciso di metterci a disposizione delle varie Regioni a titolo gratuito, invitando colleghi e agenzie del settore ad unirsi a noi. Siamo lieti di annunciare che le regioni Puglia e Sardegna hanno già accettato la nostra offerta, e ci auguriamo di ricevere presto altri riscontri. Bisogna agire in fretta, giocando d’anticipo, preparando da subito un terreno fertile da cui far rinascere i germogli di una brillante ripresa turistica. Costruire un piano marketing efficace richiede tempo e per ottenere i migliori risultati già a partire dalla prossima stagione estiva, si dovrà necessariamente avviare la produzione il prima possibile“.

In effetti uno dei problemi maggiori per molte Regioni, specie da quando la delega al turismo spetta loro, è quello di fare marketing territoriale. Se alcune sono ben attrezzate, altre sono decisamente indietro. E l’emergenza attuale costituisce un problema enorme, specie per la concorrenza di altre aree, come i territori dell’ex Yugoslavia. Spesso a livello istituzionale sono stati investite enorme risorse con risultati deludenti, ad esempio per realizzare siti internet deficitari. Insomma, anche in questo campo è necessario cambiare passo e affidarsi a chi fa promozione e marketing di mestiere, ad alti livelli. Meglio se in modo coeso e collettivo.

Check Also

Alba, la negoziante siciliana che s’è reinventata

L’emergenza Covid-19 ha spinto tanti piccoli negozi a reinventarsi. C’è chi lo ha fatto sviluppando …

In occasione del “ponte” di lunedì 1 giugno 2020 antecedente la Festa della Repubblica del 2 giugno, gli uffici di Unsic nazionale in via Angelo Bargoni 78 resteranno chiusi per l’intera giornata.