mercoledì , Febbraio 1 2023
Home / Comunicazione / Saperi / Roma, teatro: Natale in piazza

Roma, teatro: Natale in piazza

Dal 3 al 5 gennaio a Roma c’è “Natale in piazza”, nella suggestiva cornice della Cripta della Basilica dei Santi Bonifacio e Alessio all’Aventino. La manifestazione natalizia di teatro che dura dal 2007 è un progetto significativo che sostiene lo sviluppo culturale e la promozione turistica della Capitale.

Presentato dall’Associazione di promozione sociale La bottega delle maschere, Natale in piazzaèuna commedia dell’arte con Marcello Amici, Giuseppe d’Onofrio, Carlotta Galmarini, Emilia Guariglia, Federico GiovannoliTiziana Narciso, Martina Pelone e il soprano Michela Marconi.  Composta e diretta da Marcello Amici, assistente alla regia Roberto Di Carlo, la tre giorni per gli amanti del teatro, prevede una rappresentazione ad ingresso libero alle ore 18.30 con posti limitati e prenotazione obbligatoria.

Natale in piazza è una programmazione unitaria per i suoi contenuti, per le tante linee trasversali che uniscono gli stessi concetti. È Da una parte. Sogno di Natale, la novella di Pirandello, sviluppa una tesi: le voci di dentro non sono soltanto pensieri, ricordi o immagini, ma valenza delle cose perdute. Dall’altra. La messinscena Natale in piazzadi Henri Ghéon è un progetto non abusato, non comune, non scontato, nuovo, originale e raro. Un canovaccio, un metateatro, una recita a soggetto, un contenitore d’eccezione capace di superare gli echi di certe inattuali sperimentazioni teatrali.

Tutto avviene nella cripta della Basilica di Sant’Alessio. La scena rappresenta il lato di una piazzetta di un villaggio, dove gli zingari hanno sistemato il loro carrozzone ed eretto un palco sgangherato. È notte. Il barlume di un fuoco, le stelle e la luna. Una lampada ad acetilene è issata in cima ad una pertica. Qualche sgabello, valigie, un fuoco. Gli zingari stanno cenando. Qualcuno li sta osservando. È la gente del villaggio che si aspetta una rappresentazione teatrale. Si apre una valigia ricolma di costumi. Si accende la lanterna ad acetilene. Un vecchio zingaro apre un libro antico. Gli altri si ritirano dietro il carro, si truccano a vista. Inizia lo spettacolo: In quei tempi i popoli vivevano nell’attesa…

Comincia così lo strano racconto di Natale, costruito con una rara intelaiatura di teatro nel teatro sacro. Su un praticabile che sembra essere stato riesumato dalla scenografia di un carro di Tespi, nasce un presepe metafisico dove si dispongono gli attori e tutto diventa come una disputa dentro un dipinto fiammingo. Gli affreschi, tutto intorno, sono il coro. Il gruppo si sistema; da una parte si ascoltano i passi antichi della Notte Santa, dall’altra arrivano Maria e Giuseppe, sono a Betlemme per il censimento di Augusto, cercano un alloggio. Nell’aria anche i versi di Gozzano… Poi l’arrivo dell’Angelo, di Maria, di Giuseppe. Povertà. L’innocenza del testo. Un violino, un soprano come in una favola e un flauto di Pan per l’Ave Maria di Schubert. Gli attori si compongono, si scompongono e ricompongono nella sera favolosa della Vigilia.

Per poterpartecipare allo spettacolosi richiede l’uso della mascherina.

Informazioni: 06.6620982 – 338.9535577 – info@labottegadellemaschere.it

Check Also

Con Macavé il Tiffany è contemporaneo

Marianna Capuano è la fondatrice del progetto Macavé, una linea di oggetti di arredo e …