lunedì , Gennaio 20 2020
Home / Comunicazione / Saperi / VII Edizione Premio Nazionale Divulgazione Scientifica Giancarlo Dosi 2019: vince “Eccentrico”

VII Edizione Premio Nazionale Divulgazione Scientifica Giancarlo Dosi 2019: vince “Eccentrico”

Premio Dosi 2019

E’ “Eccentrico. Autismo e Asperger in un saggio autobiografico” di Fabrizio Acanfora, edito da Effequ, ad aggiudicarsi il Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2019 Giancarlo Dosi giunto ormai alla VII edizione.

Anche quest’anno è stata l’Aula Convegni del Cnr di Roma ad ospitare il 12 dicembre la cerimonia di premiazione che ha visto concorrere ben quindici finalisti all’interno della categoria Libri, sei finalisti tra le sezioni Articoli e Video.

L’iniziativa è orientata a far conoscere ed approfondire la cultura scientifica e ogni anno vede la candidatura di centinaia di autori, tra ricercatori, docenti, giornalisti, studiosi e autori italiani o stranieri. L’intento è quello di contribuire a rafforzare il settore del libro, divulgare la ricerca e favorire l’interesse per la comunicazione scientifica e l’innovazione.

Questa edizione è stata presentata da Elisabetta Guidobaldi (responsabile Ambiente dell’Agenzia ANSA) e vi hanno partecipato un totale di 404 autori, di cui 141 donne e 263 uomini, una presenza di 77 autori under 35 e l’iscrizione di 121 case editrici, nella sezione Libri. La Giuria e il Comitato scientifico erano composti complessivamente da 269 professori di ogni ordine e grado.

Hanno presenziato alla premiazione Massimo Inguscio, presidente del Consiglio nazionale delle ricerche; Giorgio De Rita, segretario generale del Censis e presidente del Comitato scientifico; Mario Morcellini, commissario dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni; Maria Amata Garito, rettore dell’Università telematica internazionale Uninettuno; Eugenio Tangerini, responsabile relazioni esterne di BPER Banca e Sesto Viticoli, vicepresidente dell’AIRI – Associazione italiana per la ricerca industriale.

Durante la manifestazione gli autori delle 15 opere in gara per la sezione Libri si sono affrontati di volta in volta di fronte al pubblico, una giuria presieduta da Giorgio De Rita, di 150 persone chiamate ad esprimere in diretta il proprio voto, per conquistare il primo posto in classifica nella propria area e aspirare al titolo più alto in palio: il Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica Giancarlo Dosi 2019.

Per la categoria Libri erano sei le sezioni in gara ognuna delle quali ha avuto un vincitore: per la sezione A – Scienze matematiche, fisiche e naturali “L’algoritmo e l’oracolo” di Alessandro Vespignani ; per la sezione B – Scienze della vita e della salute “Eccentrico. Autismo e Asperger in un saggio autobiografico” di Fabrizio Acanfora; per la sezione C – Scienze dell’Ingegneria e dell’Architettura “Nikola Tesla” di Sergio Rossi e Giovanni Scarduelli; per la sezione D – Scienze dell’uomo, storiche e letterarie “Storia dell’immigrazione straniera in Italia” di Michele Colucci; per la sezione E – Scienze giuridiche, economiche e sociali “Regimi di verità. Convivere con le leggende e fatti alternativi” di Andrea Fontana.

Ad aggiudicarsi la competizione finale fra i vincitori delle cinque categorie di libri in concorso è stato Fabrizio Acanfora, pianista e clavicembalista. Nel suo “Eccentrico. Autismo e Asperger in un saggio autobiografico”, ha ripercorso in prima persona un viaggio nel mondo dell’autismo nel quale prende per mano il lettore e lo accompagna in una passeggiata in cui mostra in varie sfaccettature che cosa significhi essere neurodiversi.

Il primo premio assoluto al Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica Giancarlo Dosi 2019 ha per me un significato speciale – ha dichiarato l’autore – perché il libro con cui ho partecipato mi ha consentito di mostrarmi al mondo per quello che sono, con l’intento di poter divulgare un’informazione corretta e semplice da comprendere sull’autismo. Ho deciso di mettermi in gioco personalmente, raccontando momenti della mia vita e mostrando le difficoltà e i punti di forza della condizione autistica per presentare ai lettori le immagini e le sensazioni della realtà che, in quanto autistico, sperimento quotidianamente. Una realtà che viene ancora troppo spesso narrata da persone che conoscono l’autismo solo dal di fuori”.

“Eccentrico è un manuale di psichiatria al contrario: – ha continuato Acanfora – i cosiddetti sintomi, cioè quei comportamenti spesso incomprensibili tipici dell’autismo, sono stati lo spunto per raccontare delle storie in cui, per un attimo, smettono di essere semplici criteri diagnostici, diventando caratteristiche insostituibili che fanno parte dell’identità di ciascuno. Poiché credo da sempre nel valore fondamentale della ricerca scientifica, ho corredato ogni racconto, ogni caratteristica descritta nel libro, con delle spiegazioni chiare e scientificamente verificate, spesso inserite come note a piè di pagina per non distrarre il lettore, lasciando che possa il più possibile immedesimarsi in un mondo che, scoprirà leggendo, non è necessariamente costituito da deficit o comportamenti da riparare, ma nella maggior parte dei casi da differenze che desiderano solo di essere comprese, incluse, rispettate.”

Premiata anche la sezione Video, previa proiezione dei tre giunti in finale e sui quale la giuria di sala si espressa decretando il vincitore assoluto: “Caldo Artico” di Alessandro Macina, reportage del 2018 trasmesso da Rai3 nel programma “Presadiretta”.

Per la sezione Articoli si è aggiudicato il premio Piero Martin con “Il laser Terra-Luna” del 2019.

Il riconoscimento Giancarlo Dosi per la Divulgazione Scientifica è stato assegnato a Simonetta Di Pippo, direttrice dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio extra-atmosferico. Tale riconoscimento è dedicato agli autori che hanno dato un contributo fondamentale nella divulgazione scientifica in Italia ed all’estero, a prescindere dal libro sottoposto al Premio.

Assegnati anche dei premi speciali: per la divulgazione scientifica rivolta ai ragazzi, alla giovanissima Ariel Spini Bauer (12 anni) per il suo libro “Da grande farò… 10 grandi si raccontano a una piccola sognatrice”; per le categorie Under 35 a Veronica Nicosia per l’articolo “HIV Pensieropositivo” pubblicato sulla rivista scientifica “O Magazine”; a Giuseppe Alonci per il libro “Tutta questione di chimica”.

Il Premio, che nel corso degli anni ha conquistato anche nuove fasce di pubblico, quest’anno è stato anticipato anche da un interessante iniziativa, il Junior video contest di divulgazione scientifica, svoltosi a Modena lo scorso novembre con l’obiettivo di sensibilizzare i più giovani, coinvolgendoli attraverso la produzione di brevi video riguardanti il cambiamento climatico e la mobilità sostenibile.
Ha vinto il video “Solo un film” di Emanuele Tabarrini, Riccardo Rossi e Gabriele Belcapo dell’IISST Majorana-Maitani di Orvieto; mentre per la categoria mobilità sostenibile, è stato premiato il video “Smart mobility”, realizzato dalla classe seconda dell’istituto ISIS Europa di Pomigliano d’Arco.

Check Also

casa

Casa: tre famiglie su quattro vivono in un’abitazione di proprietà

Il 75,2% delle famiglie, tre su quattro, risiede in una casa di proprietà. Nel 2016 …