venerdì , Settembre 20 2019
Home / Comunicazione / Accumoli, prende vita la “Casa della Cultura”

Accumoli, prende vita la “Casa della Cultura”

casa della cultura

Procedono i lavori per la realizzazione della “Casa della Cultura”, il centro polifunzionale che sorgerà ad Illica, frazione di Accumoli. A coadiuvare i lavori, iniziati a metà febbraio, il Maric, Movimento artistico per il recupero delle identità culturali, che ha ideato il progetto, il quale recentemente è stato affiancato dall’Industrial Starter, azienda antinfortunistica di Vicenza.

Per finanziare l’opera, nell’ultimo anno si sono intensificate le mostre e gli eventi finalizzati alla raccolta fondi. Grande la soddisfazione del maestro Vavuso, presidente del Maric nonché sottufficiale dell’Esercito italiano: “Sono trascorsi due anni da quella terribile notte che, con una scossa di terremoto, devastò il centro Italia. Di consuetudine, ogni mattina ascolto e leggo le notizie del giorno e quella mattina, le informazioni che si rincorrevano da un’emittente all’altra non erano affatto confortanti anzi, più passavano le ore e più il bilancio dei morti e dei feriti aumentava. In quel periodo ero in viaggio e stavo per rientrare a casa per raggiungere la mia famiglia, ma d’istinto presi la freccia per Rieti e così per Amatrice e poi Accumoli, una piccola comunità montana. Arrivato lì, vedendo cumuli e cumuli di macerie, in me scaturì la voglia di fare qualcosa, che poi mi spinse l’idea della realizzazione della Casa della Cultura”.

Un’ idea che il presidente del Maric presenta subito al direttivo e successivamente agli artisti del movimento: “In questo cammino – spiega Vavuso –  ho incontrato persone con un gran cuore che hanno contribuito economicamente alla realizzazione del progetto. Ovviamente in primis un ringraziamento va all’azienda Industrial Starter, che ha la leadership del progetto, al sindaco Stefano Petrucci, uomo di inesauribile forza e persona valorosa, all’associazione Onlus di Illica, ad Arti grafiche Boccia di Salerno, alla Tenuta San Domenico di Sant’Angelo in Formis (Ce), alla Tenuta d’amore di San Cipriano Picentino (Sa). Tante le persone che hanno contribuito alla realizzazione di questo sogno che sta diventando realtà. Un ringraziamento a tutti coloro che mi hanno sostenuto in questo progetto”.

Check Also

AmiatAutunno: un viaggio tra gusto e tradizione

Una Toscana ancora tutta da scoprire si racconta attraverso i suoi prodotti tipici. Sul Monte …