martedì , Dicembre 6 2022
Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Le imprese della filiera carni e salumi sul tema della sostenibilità

Le imprese della filiera carni e salumi sul tema della sostenibilità

Nella filiera delle carni e dei salumi la sostenibilità fatica ancora a farsi strada. Nonostante l’elevata attenzione di consumatori e policy-makerin Italia solo il 30 per cento delle aziende adotta approcci sostenibili strutturati in fatto di pianificazione strategica, rendicontazione, comunicazione. Tuttavia, quasi la metà delle imprese sembra aver colto le potenzialità del digitale, visto che presenta una sezione del sito dedicata alle tematiche sostenibili.

A realizzare una vera e propria mappa delle pratiche sostenibili virtuose già diffuse nel settore, e di quelle da attuare, è l‘indagine interdisciplinare realizzata da Altis, Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica in collaborazione con il progetto interfacoltà Vis – Valore Impresa Sostenibile e Opera – Osservatorio europeo per l’agricoltura sostenibile, che ha fotografato le strategie di sostenibilità comunicate da un campione di 46 aziende di dimensioni medio-grandi appartenenti alla filiera.

La quota di imprese che appare oggi pienamente consapevole di come la sostenibilità possa essere un vantaggio competitivo e un asset strategico di crescita è rilevante, ma ancora minoritaria (30,4 per cento). Al contrario, la maggioranza delle aziende del campione (69,6 per cento) porta avanti attività e iniziative di sostenibilità legate a un numero ristretto di tematiche, in modo per lo più informale e frammentario.

La maggioranza del campione si trova ancora nelle prime fasi di integrazione della sostenibilità nella strategia aziendale: sono 18, pari al 39,1 per cento, le realtà che identificano obiettivi specifici di miglioramento delle performance ESG, segno di una riflessione approfondita sugli impatti delle attività.

Sono le grandi imprese quelle che evolvono con maggiore facilità agli stadi in cui la sostenibilità corporate è più avanzata, strutturata e innovativa, ma sono significative anche le esperienze di PMI che si stanno proponendo come leader nel comparto.

Tra le 46 imprese del campione, sono nove (pari al 19,6 per cento) quelle che hanno pubblicato un report di sostenibilità o ambientale, in otto casi su base volontaria. Emerge quindi una sensibilità crescente dell’intero comparto, ma ancora embrionale rispetto alle esigenze e necessità dei consumatori, dei cittadini, dei clienti industriali e di tutti gli altri portatori di interesse.  Più diffusa la comunicazione via web, tanto che quasi la metà delle imprese (47,8 per cento) presenta una sezione del sito dedicata alla sostenibilità.

Se il 56,5 per cento comunica informazioni riguardo a più della metà delle tematiche ambientali, sociali e di governance (ESG) individuate come rilevanti per il settore, l’attenzione delle imprese converge però sulle aree relative alla filiera (87,2 per cento) e ai prodotti e relazioni con i consumatori (80,2 per cento), a discapito dei temi ambientali (46,8 per cento) e di governance aziendale (44,7 per cento).

Si delinea, così, una visione della sostenibilità incentrata sulla dimensione produttiva, sulla sicurezza alimentare e sull’identità territoriale dei prodotti, valori storicamente radicati nel settore.

Il report completo è disponibile gratuitamente per il download sul sito altis.unicatt.it.

Check Also

Giornata mondiale del suolo: in Italia spariscono 19 ettari al giorno

Tona a crescere nel 2021 il consumo di suolo che sfiora i 70 chilometri quadrati …