giovedì , Agosto 22 2019
Home / Comunicazione / Primo piano / Innovativo e in crescita, la fotografia del turismo all’aria aperta

Innovativo e in crescita, la fotografia del turismo all’aria aperta

Le vacanze all’aria aperta piacciono sempre di più. A dimostralo sono i dati dell’Osservatorio del Turismo Outdoor 2019 realizzato da Human Company, gruppo fiorentino attivo nel ricettivo e ristorativo e leader in Italia nell’ospitalità open air.

Secondo la nuova edizione dell’indagine che analizza gli aspetti socio-economici e i trend del comparto, nel 2018 il turismo all’aria aperta ha registrato un fatturato di 4,9 miliardi di euro (categorie di alloggio e indotto) con una stima di crescita di 1,3 punti percentuali per il 2019 e un totale di oltre 68 milioni di presenze con un aumento stimato del 2,3 per cento per un totale di circa 70 milioni.

La ricerca fornisce una panoramica sull’andamento dell’offerta di questo segmento di mercato nel 2018 e dati previsionali per la prossima stagione, partendo dall’analisi di 2.150 strutture in Italia per un totale di oltre 219mila commenti raccolti da gennaio a dicembre 2018 sui principali social, portali e Ota, tra cui Facebook, TripAdivsor, Google, Booking, Expedia. Oltre al valore dell’offerta outdoor nel Bel Paese e al numero di presenze, il report racconta, attraverso un’indagine della presenza digitale, chi sono e dove vanno gli ospiti italiani e stranieri, la reputazione e il livello di soddisfazione online, i trend e le previsioni dei flussi turistici.

Chi è il turista outdoor in Italia? Secondo i dati raccolti dall’Osservatorio i connazionali che nel 2018 hanno scelto le strutture open air nella Penisola sono sempre più digitalizzati: crescono infatti a doppia cifra le recensioni online, che toccano quota 94 mila (più 22 per cento nell’ultimo anno) con un indice di soddisfazione molto alto, che si attesta all’84,1 per cento (più 1,1). Se le regioni più recensite si distribuiscono da nord a sud dello Stivale con il Veneto in testa, seguito da Toscana e Puglia, le preferite si concentrano al nord: prima la Valle d’Aosta seguita da Trentino Alto Adige e Piemonte. L’accoglienza è l’elemento di maggiore interesse e il più apprezzato dagli ospiti italiani con un indice di soddisfazione al 90,6 per cento. Poco sotto si attestano location e posizione (90,3 per cento) seguite dalla pulizia (85,2 per cento). Il personale e i luoghi del divertimento sono gli argomenti più discussi nelle recensioni, in cui primeggiano le famiglie, che registrano il 55 per cento, mentre le coppie risultano le più soddisfatte con un indice che sfiora il 90 per cento.

Crescono anche le recensioni online degli ospiti stranieri, che salgono di ben 25 punti percentuali con una media di soddisfazione dell’80,4 per cento. Tra i turisti internazionali, i primi per recensioni risultano i tedeschi (20 per cento), mentre le recensioni con una crescita più sostenuta vengono dai russi (più 47 per cento) e i clienti più soddisfatti sono i polacchi (87,2 per cento di soddisfazione). Come per gli italiani, ad andare forte l’accoglienza, che non solo è l’elemento cardine dell’esperienza di soggiorno nelle strutture outdoor (pesa per il 25 per cento nelle recensioni), ma è quello che raccoglie il miglior livello di sentiment positivo (90,4 per cento).

In generale, la regione che ha soddisfatto maggiormente gli ospiti outdoor nel 2018 è la Valle d’Aosta, con l’89,4 per cento in crescita di 1,6 punti sul 2017, seguita da Trentino Alto Adige e Umbria. Per quanto riguarda la composizione degli ospiti, le famiglie rappresentano oltre la metà dei turisti outdoor 2018 (52 per cento delle recensioni), ma le coppie sono la tipologia con il più alto tasso di soddisfazione (81 per cento). Secondo i dati analizzati, nel 2019 a registrare il maggiore aumento in termini di presenze sarà la Basilicata (più 5,9 per cento), seguita dalle principali regioni del Nord Italia nelle prime sei posizioni per tasso di crescita stimato (Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Veneto).

Il commento di Marco Galletti, Ceo di Human Company: «Con la prima edizione nel 2018 il nostro Osservatorio del Turismo Outdoor si è rivelato uno strumento utile per monitorare i numeri e le tendenze di un comparto che in Italia ha registrato costanti trend di crescita sia in termini di presenze che di valore di mercato, con un giro d’affari nel 2018 pari a circa 5 miliardi di euro, indotto compreso. Per questo motivo, in qualità di leader di mercato, ci è sembrato naturale ripetere l’esperienza anche quest’anno: a questa prima edizione che fornisce una panoramica sul valore di mercato, il profilo del turista outdoor e i trend del settore, seguirà in autunno un’integrazione realizzata in collaborazione con la Direzione Studi e Ricerche di Banca Intesa San Paolo. Accanto alla ormai collaudata partnership con Travel Appeal, l’edizione 2019 si arricchirà del contributo di un altro autorevole player che, oltre a un riscontro completo sulle presenze, fornirà un quadro del mercato grazie a un’indagine realizzata su un campione rappresentativo tra i propri clienti business in termini di competitività, efficienza e sostenibilità delle strutture. Grazie a questa sinergia l’edizione 2019 dell’Osservatorio del Turismo Outdoor si annuncia come la più completa mai realizzata per il comparto dell’open air in Italia».

LA FOTOGRAFIA DEl TURISMO OPEN AIR

  • Fatturato a 4,9 miliardi di euro nel 2018 con previsione di crescita dell’1,3% per il 2019
  • Oltre 68 milioni di presenze nel 2018 con stima a +2,3% per il 2019
  • Il turista italiano sempre più digitalizzato (famiglie in testa)
  • Veneto, Toscana e Puglia le regioni più recensite dai connazionali
  • Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige e Piemonte le preferite dagli italiani
  • Tedeschi primi per recensioni, russi per crescita, polacchi per soddisfazione
  • Sentiment positivo a oltre l’82% 

Check Also

Svimez: tra Nord e Sud Italia si riallarga la forbice

Il tempo sembra tornare indietro e per il Mezzogiorno si torna a parlare di dissanguamento …