mercoledì , Febbraio 1 2023
Home / Comunicazione / San Fele (Potenza): premio al professor Ignazio Olivieri

San Fele (Potenza): premio al professor Ignazio Olivieri

Sabato 8 aprile 2017 è partita da San Fele (Potenza) la 22esima edizione itinerante del Premio nazionale “Penisola Sorrentina”, organizzata dall’ente di cultura e promozione sociale “Il Simposio delle muse” di Piano di Sorrento.

“Dopo la presentazione del programma delle nostre attività per il 2017 alla Borsa Mediterranea del Turismo di Napoli e alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano abbiamo deciso di aprire quest’anno  la ventiduesima edizione del Premio proprio in Basilicata, terra-simbolo del Mezzogiorno e luogo di cultura e fermento, in virtù anche dell’importanza che il territorio riveste, in ambito nazionale ed europeo, in vista dell’appuntamento con Matera 2019 Capitale Europea della cultura – spiega il direttore della kermesse, Mario Esposito.

Dall’anno 2006 a San Fele si svolge questa sezione speciale, “San Fele d’oro”, che ha consentito uno stimolante gemellaggio culturale tra la Campania e la Basilicata, suggellato dalla partecipazione di nomi celebri del panorama nazionale ed internazionale dello spettacolo, della letteratura e del giornalismo: da Giuliano Gemma a Roberto Vecchioni, da Serena Autieri a Claudia Koll, da Francesco Giorgino a Rosanna Lambertucci, da Daniel McVicar a Vincent Spano.

Ad essere insignito del riconoscimento è questa volta un luminare della medicina e della ricerca:  il professore Ignazio Olivieri, apprezzato in tutta Europa per i suoi studi sulla reumatologia.  Un ulteriore premio per questo maestro di medicina e di vita, coronato da riconoscimenti non solo istituzionali e scientifici, come il Premio Hulusi Behçet conferitogli della Società turca di reumatologia, ma anche personali, quali il  plebiscito di voti ricevuto su social che lo ha insignito del titolo di ‘Lucano dell’anno’.

Il premio “San Fele d’oro” gli viene consegnato, oltre che per la luminosa carriera cattedratica,  anche per una motivazione vincolata allo sviluppo del mezzogiorno e alla possibilità di cooperazione tra le eccellenze delle due regioni coinvolte dal Premio: Basilicata e Campania.

Il 3 aprile scorso, infatti, il Dipartimento di reumatologia della Regione Basilicata e con esso l’ospedale “San Carlo” di Potenza hanno scritto una pagina importante, con l’assunzione di cinque ricercatori (tre medici e due biologi) interamente dedicati alla ricerca in campo reumatologico, allo scopo di creare per il sud un sicuro punto di riferimento, con la trasformazione dell’ Istituto di reumatologia a Istituto di ricovero e cura di carattere scientifico. Due di essi sono campani: Michele Gilio e Giuseppina Tramontano. La firma dei contratti dei cinque giovani ricercatori è avvenuta alla presenza del governatore della Regione Basilicata e del sottosegretario del Miur Vito De Filippo.

“Ricerca e innovazione – afferma il Professor Ignazio Olivieri – sono un elemento molto importante per la crescita dell’intero sistema sanitario del Paese. Solo attraverso la ricerca ed il mantenimento di un elevato profilo scientifico possiamo perfezionare l’assistenza ai pazienti, che si traduce nell’utilizzo di cure d’avanguardia. In un periodo di drammatica fuga di cervelli, abbiamo scelto cinque giovani talenti meridionali, due campani e tre lucani, in maggioranza donne, di cui una di ritorno a Potenza dopo un’esperienza in Inghilterra,  che ci permetteranno di rafforzare una struttura già da anni impegnata nella ricerca clinica”.

“Puntiamo al binomio cultura- bellezza – commenta il sindaco di San Fele, Donato Sperduto. E aggiunge: “La bellezza della natura come quella delle nostre cascate; la bellezza dell’arte e della musica, ma anche la bellezza dell’amore per il territorio, per lo studio, per la ricerca e per tutto ciò che nella vita si fa con passione personale e collettiva e che consente di far crescere il Paese in sviluppo e competitività”.

Informazioni: www.comune.sanfele.pz.it.

Check Also

Vico del Gargano, il paese di San Valentino

Un omaggio alla tradizione teatrale popolare che vede protagoniste realtà e associazioni teatrali di Rodi …