martedì , Agosto 9 2022
Home / Comunicazione / Ue: più occupati, ma ancora sopra livelli pre-crisi

Ue: più occupati, ma ancora sopra livelli pre-crisi

LavoroSul fronte dell’occupazione, il vecchio continente continua a registrare segnali positivi, ma la ripresa procede lentamente e i livelli pre-crisi sono ancora lontani. E’ quanto emerge dal Settimo rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale pubblicato dalla Commissione europea.

Nel 2016, secondo il documento, il tasso di occupazione delle persone di età compresa tra i 20 e i 64 anni nell’Unione europea ha superato i livelli pre-crisi per la prima volta: al 71%, ha raggiunto un livello superiore di un punto percentuale al 2008, ma ancora al di sotto dell’obiettivo del 75% per il 2020, fissato nella strategia Europa 2020.

Ma la situazione si differenzia molto da Paese a Paese, con il Nord Europa che registra risultati decisamente migliori rispetto alla fascia mediterranea. Occorre però aggiungere che le disparità tra i vari territori, benché accentuate negli ultimi anni, tendono a ridurre la forbice dell’ampliamento.

Il tasso di disoccupazione nell’Unione europea è calato dal 10,9% nel 2013 all’8,6% nel 2016 e al 7,7% nel 2017, rimanendo quindi ancora al di sopra del 7% del 2008, indicato convenzionalmente come anno di partenza della crisi.

Occorre però tenere presente che, al di là dei numeri e delle “quantità”, è l’aspetto qualitativo del lavoro ad essere cambiato. E di molto.

(Gi.Ca.)

Check Also

Dl Aiuti bis: tutte le misure approvate

Foto: governo.it Approvato ieri giovedì 4 agosto durante la seduta del Consiglio dei ministri, il …