sabato , Aprile 20 2024
Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Dama, i pomodorini da collina

Dama, i pomodorini da collina

L’azienda agricola DAMA nasce nel 2015 dal sogno nel cassetto della sua giovane fondatrice Marianna D’Auria, di seguire le orme dei suoi antenati, agricoltori da generazioni, ridando vita alla produzione dei pomodorini di collina, prodotto caratteristico della zona stabiese, dalla tipica forma a “lampadina”.

L’intraprendenza, la tenacia e la passione di Marianna, unita al sostegno di papà Leopoldo e all’esperienza di nonno Carmine, custode delle antiche e preziosissime tecniche di coltivazione, hanno fatto si che sulla collina di Quisisana si semini, si coltivi e si raccolga un prodotto dall’inconfondibile dolcezza, tutto rigorosamente bio.

Le tecniche e le modalità di coltivazione sono come tradizione comanda: nei circa tre ettari terrazzati, i filari sono rigorosamente disposti ordinatamente con i tipici pali di castagno che fungono da sostegno alla pianta durante la crescita, e dove la rotazione agricola annuale è d’obbligo.  Le tecniche di coltivazione conservano, quindi, ancora l’antica memoria dei metodi antichi, ed è proprio nel nome di questa antichissima tradizione che nascono i prodotti DAMA.

Il prodotto d’eccellenza dell’azienda agricola DAMA è il pomodorino di collina nelle sue due varietà: la lampadina ed il pendolino.

La lampadina bio è una delle specie più antiche delle nostre zone, prende il nome dalla sua forma allungata ed è caratterizzata dal colore rosso intenso. Il suo seme viene autoriprodotto annualmente in azienda attraverso metodi antichi e conservato per la produzione dell’anno successivo. In tal modo, siamo certi di ottenere un seme naturale al 100%.

Il pendolino bio si distingue per la sua forma rotonda e la lieve sporgenza appuntita sulla pancia e per la buccia spessa dal colore rosso intenso.

Entrambe le varietà vengono coltivate sui 3 ettari di terreno di Quisisana, in pieno campo seguendo le antiche tradizioni contadine: rotazioni colturali, concimazione naturale, pali di castagno e un minimo di sei legature di spago per sostenere la pianta in crescita.

La raccolta avviene a mano e segue immediatamente la trasformazione.

Il pomodorino, una volta giunto in fabbrica per la trasformazione, è lavato, selezionato e controllato, subito dopo è trasportato sul tappeto nella riempitrice che inscatola sia succo che pomodorini. Le scatole sono poi chiuse attraverso un nastro magnetico e disposte in ceste ove avviene la sterilizzazione a bagnomaria. Nella conservazione del PomoDAma non viene effettuata nessuna correzione con acido citrico. Una volta sterilizzati, i barattoli passano al confezionamento e poi all’etichettatura.

La favorevole esposizione dei terreni al sole e le acque sorgive dei Monti Lattari che scendono in collina,

facilitano la crescita in modo naturale della pianta di pomodoro e ci consente di ottenere un frutto dalla bassa acidità, asciutto e senza bisogno di irrigazione, dal sapore dolce e dal colore rosso carico.

Il PomoDama richiama gli odori e sapori genuini di una volta ed è fedele alle antiche tradizioni rispettando le linee guida della produzione biologica.

Sui terreni di Quisisana, la presenza di 50 casse di arnie, ci consente, al contempo, di favorire l’impollinazione naturale della pianta e di produrre un ottimo miele naturale di castagno e di millefiori.

L’azienda agricola DAMA produce anche marmellate o confetture di stagione grazie ai rigogliosi frutteti di albicocco, prugno, arancia, mandarino e limone che si ergono sulla collina di Quisisana.

Tutti i raccolti DAMA sono prodotti da agricoltura biologica con zero presenza di prodotti chimici.

Check Also

agricoltura di montagna

Lombardia: 17 mln di euro per l’agricoltura di montagna

Stanziati dalla Regione Lombardia 17 milioni di euro per sostenere gli imprenditori agricoli che esercitano …

 

Si avvisa che il giorno 26 aprile 2024 gli uffici della sede Unsic nazionale resteranno chiusi.

 

Le attività riprenderanno regolarmente il 29 aprile 2024.

 

 

Si informa, inoltre, che gli uffici del Caf Unsic nazionale rimarranno operativi.