sabato , Dicembre 10 2022
Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Fao: l’automazione agricola al servizio dei sistemi agroalimentari

Fao: l’automazione agricola al servizio dei sistemi agroalimentari

L’automazione agricola come risorsa per le aree in via di sviluppo e per la creazione di sistemi agroalimentari sostenibili e resilienti.

A sostenerlo è la Fao nel rapporto sullo Stato dell’alimentazione e dell’agricoltura 2022 dove vengono esaminati i fattori trainanti dell’automazione agricola, comprese le più recenti tecnologie digitali. 

Basato su 27 casi di studio, il report analizza il business case per l’adozione di tecnologie di automazione digitale in diversi sistemi di produzione agricola in tutto il mondo. Identifica i possibili ostacoli che impediscono l’adozione inclusiva di queste tecnologie, in particolare da parte dei produttori su piccola scala. Gli impedimenti principali sono la scarsa alfabetizzazione digitale e la mancanza di un’infrastruttura abilitante, come la connettività e l’accesso all’elettricità, oltre ai vincoli finanziari. 

L’automazione ha plasmato l’agricoltura mondiale dall’inizio del XX secolo. La meccanizzazione motorizzata ha portato vantaggi significativi in ​​termini di miglioramento della produttività, riduzione del lavoro faticoso e più efficiente allocazione del lavoro, ma anche alcuni impatti ambientali negativi. Più di recente, è apparsa una nuova generazione di tecnologie di automazione agricola digitale, con il potenziale per migliorare ulteriormente la produttività e la resilienza, affrontando anche le sfide della sostenibilità ambientale guidate dalla meccanizzazione del passato.

Il rapporto Fao sullo Stato dell’alimentazione e dell’agricoltura 2022 analizza i vantaggi e gli svantaggi legati all’utilizzo dell’automazione agricola e ne individuadodici punti principali:

  1. Può svolgere un ruolo importante nel raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG), non ultimi SDG 1 (No Poverty) e SDG 2 (Zero Hunger) e quelli relativi alla sostenibilità ambientale e ai cambiamenti climatici, costruendo resilienza, aumentando produttività e risorse, efficientando e migliorando la qualità e la sicurezza degli alimenti.
  2. Può acutizzare le disuguaglianze se rimane inaccessibile ai piccoli produttori e ad altri gruppi emarginati come i giovani e le donne; alcune tecnologie – grandi macchinari a motore – possono anche avere impatti ambientali negativi poiché contribuiscono, ad esempio, alla monocoltura e all’erosione del suolo.
  3. Prima della rivoluzione digitale, la meccanizzazione motorizzata (ad es. i trattori) era la chiave per la trasformazione dell’agricoltura in tutto il mondo; tuttavia, ci sono state ampie disparità nell’adozione tra e all’interno dei paesi, con l’adozione particolarmente limitata nella maggior parte dell’Africa subsahariana.
  4. Se adattata alle esigenze locali e supportata da strumenti digitali, la meccanizzazione motorizzata ha ancora il potenziale per migliorare la produttività agricola, portando alla riduzione della povertà e a una maggiore sicurezza alimentare, con effetti di ricaduta positivi sull’economia in generale.
  5. L’uso delle tecnologie di automazione digitale è in crescita, ma soprattutto nei paesi ad alto reddito. Spesso il loro business case non è ancora maturo: alcune tecnologie sono ancora in fase di prototipo, mentre per altre una limitata infrastruttura rurale abilitante – come connettività ed elettricità – ne ostacola la diffusione, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito.
  6. Investire nell’abilitazione delle infrastrutture e nel miglioramento dell’accesso ai servizi rurali (ad es. finanza, assicurazioni, istruzione) è fondamentale per garantire l’accesso a queste tecnologie, in particolare per i gruppi emarginati come i produttori agricoli su piccola scala e le donne.
  7. Le tecnologie di automazione digitale hanno un grande potenziale per ottenere maggiore efficienza, produttività, sostenibilità e resilienza. Tuttavia, sono necessari investimenti inclusivi – che coinvolgano produttori, produttori e fornitori di servizi, con particolare attenzione alle donne e ai giovani – per sviluppare ulteriormente le tecnologie e adattarle alle esigenze degli utenti finali.

L’impatto dell’automazione agricola sull’occupazione varia a seconda del contesto. In situazioni di aumento dei salari e di scarsità di manodopera, l’automazione può avvantaggiare sia i datori di

Check Also

Fao, pesca: il 73% delle specie acquatiche è sovrasfruttato

Non accenna a diminuire lo sfruttamento nella pesca di alcune specie commerciali. Nonostante la “pesca …