giovedì , Dicembre 8 2022
Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Inps, Osservatorio sul Mondo agricolo: diminuiscono le aziende e i lavoratori

Inps, Osservatorio sul Mondo agricolo: diminuiscono le aziende e i lavoratori

lavoro stagionale

L’Osservatorio sul Mondo agricolo istituito dall’Inps rileva nel corso di un anno, una flessione delle aziende, dei lavoratori dipendenti ed anche di quelli autonomi. Lo rende noto attraverso un comunicato stampa diramato il 10 novembre alle agenzie di stampa e ai quotidiani nazionali.

Il numero di aziende che occupano operai agricoli dipendenti è passato da 183.057 nel 2020 a 180.167 nel 2021, registrando, come lo scorso anno, un decremento pari a -1,6 per cento; nel quinquennio 2017-2021 il numero di aziende con dipendenti è diminuito complessivamente del -4,2 per cento. A livello regionale, nell’ultimo anno, il maggior decremento in percentuale si registra in Calabria con un -3,6 per cento, mentre tra le regioni in controtendenza si evidenziano la Valle d’Aosta (+2,8 per cento) e le Marche (+1,7 per cento).

Il numero di operai agricoli dipendenti passa da 1.049.336 nel 2020 a 1.033.075 nel 2021, con un decremento di circa 16.300 lavoratori, pari a -1,5 per cento. Nel 2021 il numero di operai agricoli risulta tornato ad un valore analogo a quello del 2016, prima della crescita del biennio 2017-2018. Il Sud è l’area geografica che, con il 37,0 per cento, presenta il maggior numero di lavoratori, seguita dal Nord-est con il 22,9 per cento, dalle Isole con il 16,4 per cento, dal Centro con il 12,9 per cento e dal Nord-ovest con il 10,8 per cento. Le regioni in cui si concentra il maggior numero di lavoratori sono la Puglia (16,1 per cento), la Sicilia (14,1 per cento), l’Emilia-Romagna (9,2 per cento) e la Calabria (9,0 per cento). La classe d’età più numerosa nel 2021 risulta essere quella ‘50-54 anni’, in cui si trova il 12,1 per cento dei lavoratori. Nelle classi d’età da 50 anni in poi si concentra più di un terzo (34,5 per cento) dei lavoratori, mentre il 22,1 per cento ha meno di 30 anni. Dal 2016 al 2021 la composizione per genere fa registrare un decremento della percentuale di donne sul totale dei lavoratori, dal 34,1 per cento al 31,5 per cento.

Il numero di lavoratori agricoli autonomi passa da 441.179 nel 2020 a 436.689 nel 2021, con una diminuzione di circa 4.500 lavoratori, pari al -1,0 per cento; tra le categorie di lavoratori autonomi, l’unica in aumento risulta essere quella degli imprenditori agricoli professionali (IAP), che passa da 43.445 a 45.002, con un incremento pari a +3,6 per cento. Dal 2016 i coltivatori diretti hanno avuto un continuo andamento decrescente, passando dai 418.614 lavoratori del 2016 ai 391.522 del 2021, facendo registrare una diminuzione complessiva pari a -6,4 per cento. Tale categoria continua ad essere, comunque, nettamente prevalente, rappresentando l’89,7 per cento del totale del 2021.

I coloni e mezzadri, trattandosi di un gruppo chiuso in ingresso, sono ormai vicini alla scomparsa: risultavano solo 165 nel 2021. Gli imprenditori agricoli professionali evidenziano una tendenza in continua crescita, passando dai 35.423 lavoratori del 2016 ai 45.002 del 2021, facendo registrare un incremento pari al +27,0 per cento.

Nel 2021 più della metà dei lavoratori agricoli autonomi (50,4 per cento) si trova nelle regioni del Nord. In particolare, il Nord-est è l’area geografica che, con il 28,0 per cento, presenta il maggior numero di lavoratori agricoli autonomi, seguita dal Nordovest con il 22,4 per cento, dal Sud con il 21,3 per cento, dal Centro con il 16,6 per cento e dalle Isole con il 11,7 per cento. In Piemonte si concentra la maggior parte dei lavoratori agricoli autonomi, con 46.736 unità, pari al 10,7 per cento, seguono il Veneto con 45.705 (10,5 per cento), la Lombardia con 41.495 (9,5 per cento) e l’Emilia-Romagna con 41.223 (9,4 per cento).

Prevalgono i lavoratori maschi (67,0 per cento), con 292.539 lavoratori; nel 2016 la quota di maschi era più bassa (65,6 per cento). La classe d’età modale nel 2021 risulta essere quella ‘55-59 anni’, con 62.357 lavoratori, pari al 14,3 per cento del totale. Nelle classi d’età da 55 anni in poi si concentra il 48,3 per cento dei lavoratori agricoli autonomi. L’età media dei lavoratori fa registrare un aumento, passando da 53,3 nel 2020 a 53,6 anni nel 2021.

Il numero di aziende agricole autonome è passato da 353.424 dell’anno 2020 a 352.625 del 2021, registrando una lieve diminuzione, pari a -0,2 per cento. Nel periodo 2016-2018 il numero di aziende agricole autonome era aumentato di 4.544 unità, con un incremento pari a +1,3 per cento. A livello regionale, nell’ultimo anno, il maggior decremento si registra in Molise (-3,0 per cento), Abruzzo (-2,5 per cento) e Umbria (-1,8 per cento); le regioni in cui si registra il maggior incremento sono Lombardia (+2,6 per cento) e Calabria (+1,8 per cento).

È possibile consultare i dati completi elaborati dall’Osservatorio sul Mondo agricolo dell’Inps cliccando QUI.

Check Also

Fao, pesca: il 73% delle specie acquatiche è sovrasfruttato

Non accenna a diminuire lo sfruttamento nella pesca di alcune specie commerciali. Nonostante la “pesca …