domenica , Maggio 19 2024
Home / Comunicazione / Bandi & Opportunità / Emilia-Romagna, contributo per l’adattamento dei posti di lavoro in favore di disabili

Emilia-Romagna, contributo per l’adattamento dei posti di lavoro in favore di disabili

lavoratore disabile

C’è tempo fino al 31 marzo 2024 per richiedere il contributo per l’adattamento dei posti di lavoro in favore di persone con disabilità della Regione Emilia-Romagna.

Attivato dall’Agenzia regionale per il lavoro con il Fondo Regionale per l’occupazione delle persone con disabilità, il bando eroga contributi per l’adeguamento dei posti di lavoro in favore dei lavoratori con riduzione della capacità lavorativa superiore al 50 per cento, incluso l’apprestamento di tecnologie di lavoro a distanza e la rimozione delle barriere architettoniche che limitano in qualsiasi modo l’integrazione lavorativa in favore della persona con disabilità.

Realizzato, gli interventi finanziabili devo interessare sedi di lavoro ubicate nel territorio dell’Emilia-Romagna e riferiti a:

  • Adeguamenti finalizzati al mantenimento del posto di lavoro per lavoratori disabili già in forza ai sensi della Legge n. 68/99, che siano stati realizzati a partire dal 1° gennaio 2023 o da realizzare e/o in via di progettazione.
  • Adeguamenti finalizzati ad effettuare assunzioni (a tempo indeterminato o a tempo determinato di almeno 12 mesi), di lavoratori iscritti al collocamento mirato L. 68/99 o lavoratori disabili rientranti in altre categorie riconosciute rilevanti ai fini della legge n. 68/99, comprese le trasformazioni a tempo indeterminato di un rapporto a termine, in via di progettazione. 

Possono fare domanda per il contributo i datori di lavoro, privati e datori di lavoro pubblici (questi ultimi limitatamente ad acquisizioni o trasformazioni tecniche dei centralini finalizzate alla possibilità d’impiego dei non vedenti – Legge 113/85) anche se non obbligati ai sensi della L.68/99, con sede operativa in Emilia-Romagna.

La dotazione complessiva è pari a 349.586,16 euro, maturata dalle somme residue di bandi precedenti. Tra le risorse disponibili ai datori di lavoro pubblici potrà essere destinata una percentuale pari a non più del 30 per cento.

Inoltre, il contributo a carico del Fondo regionale per l’occupazione dei disabili è concesso nei seguenti limiti:

  • Per i datori di lavoro obbligati alle assunzioni ex L. 68/99, fino all’80 per cento della spesa totale sostenuta o prevista e un massimo di 29mila euro per ciascun lavoratore disabile;
  • Per i datori di lavoro non obbligati, compresi i soggetti già ottemperanti prima di aver effettuato l’assunzione oggetto di domanda, che risultano quindi aver effettuato assunzioni in eccedenza rispetto alla quota di riserva di cui all’art. 3, co. 1, L.68/99, fino al 95 per cento della spesa totale sostenuta o prevista e un massimo di 29mila euro per ciascun lavoratore disabile;
  • Le spese per le acquisizioni o le trasformazioni tecniche dei centralini telefonici finalizzate alla possibilità d’impiego dei non vedenti e la fornitura di strumenti adeguati all’espletamento delle mansioni di centralinista telefonico saranno rimborsate per intero.

lI datore di lavoro, se obbligato, deve risultare ottemperante, sia al momento della presentazione della domanda che al momento della presentazione della documentazione di rendicontazione preliminare alla liquidazione ed erogazione del contributo.

Le richieste devono essere redatte compilando l’apposita modulistica nella sezione Documentazione dell’Avviso (clicca qui) ed inviate all’Agenzia regionale per il lavoro tramite pec, all’indirizzo arlavoro.servipl@postacert.regione.emilia-romagna.it a partire dal 7 marzo 2024 fino ad esaurimento delle risorse disponibili, e comunque non oltre le ore 12.00 del 31/12/2024.

Check Also

innovation

Mezzogiorno, imprese: apertura dello sportello per progetti di ricerca e sviluppo

Fissati dal ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, i termini di …