domenica , Aprile 21 2024
Home / Comunicazione / Bandi & Opportunità / FVG: misure per PMI contro il caro energia

FVG: misure per PMI contro il caro energia

Misure a sostegno delle micro, piccole e medie imprese operanti in Friuli Venezia Giulia a parziale ristoro delle spese sostenute nell’anno 2022, per fronteggiare i maggiori oneri dovuti all’aumento dei costi energetici rispetto all’anno 2021.

Contributi a fondo perduto disposti con legge regionale 5 agosto 2022, n.13 a favore delle imprese ubicate in Friuli Venezia Giulia ed in possesso, alla data di presentazione della domanda, di almeno uno dei codici Ateco primario/prevalente ammissibili a contribuzione, riferito alla sede legale ubicata in Regione o all’unità locale ubicata in Regione.

I codici Ateco ammessi a contribuzione sono quelli approvati con deliberazione giuntale 7 ottobre 2022, n. 1454. Il codice Ateco di riferimento è il codice Ateco primario o prevalente risultante dal registro imprese alla data di presentazione della domanda.

Le domande potranno essere presentate dalle ore 9.00.00 di mercoledì 12 ottobre 2022 alle ore 16.00.00 di venerdì 28 ottobre 2022.

Beneficiari e requisiti – Micro, piccole e medie imprese (Pmi) con sede legale in Friuli Venezia Giulia in possesso di codice ATECO primario/prevalente riferito alla sede legale o alla unità locale ubicata in Regione nonché le micro, piccole e medie imprese (Pmi) che, pur non avendo sede legale in Friuli Venezia Giulia, risultino in possesso di codice Ateco primario/prevalente riferito a unità locali ubicate in Regione.  

Possono presentare domanda i soggetti risultanti attivi sul territorio regionale alla data del 31.12.2020 e ancora attivi alla data di presentazione della domanda sul medesimo territorio regionale. 

I contributi sono concessi ai richiedenti che hanno sostenuto maggiori oneri nell’anno 2022 per l’aumento dei costi energetici rispetto all’anno 2021. In particolare, i richiedenti devono autocertificare di aver subito un aumento dei costi energetici per kWh della componente energia elettrica, calcolati sulla base della media del primo semestre 2022 ed al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, superiore al 30 per cento dei costi sostenuti nel primo semestre 2021, anche tenuto conto di eventuali contratti di fornitura di durata stipulati dall’impresa.

Intensità del contributo – Ai soggetti beneficiari è riconosciuto, esclusivamente con erogazione a mezzo bonifico bancario, un contributo a fondo perduto da € 1.000,00 a € 2.000,00.  Gli importi di contribuzione sono stati determinati in relazione alla dimensione aziendale:

Micro impresa          € 1.000,00
Piccola impresa      € 1.500,00
Media impresa        € 2.000,00

Presentazione delle domande – Le domande potranno essere presentate alla Direzione centrale attività produttive e turismo fino alle ore 16.00 del giorno 28 ottobre 2022 tramite il sistema istanze on line.

È ammissibile a contributo una sola domanda e qualora siano presentate più domande è ammissibile soltanto la prima presentata in ordine cronologico con esito istruttorio favorevole.
Non sono ammissibili a contributo i soggetti che abbiano già beneficiato del ristoro sulla linea destinata alla filiera mosaici di cui alla LR 24/2021, articolo 2, comma 63, come disciplinata con DGR 872/2022.
Le domande presentate sono esenti dal pagamento dell’imposta di bollo.

Gli elenchi finali di tutte le domande ammissibili e non ammissibili verranno approvati sempre con decreto del direttore centrale dopo la conclusione definitiva dell’attività istruttoria su tutte le domande pervenute.
I provvedimenti di concessione ed erogazione dei contributi verranno adottati entro 90 giorni dalla chiusura dei termini di presentazione delle domande.

Check Also

lavoro

A Monfalcone il “Recruting Day” per 100 posti di lavoro

Da poco concluso l’evento del 16 aprile, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia organizza un …

 

Si avvisa che il giorno 26 aprile 2024 gli uffici della sede Unsic nazionale resteranno chiusi.

 

Le attività riprenderanno regolarmente il 29 aprile 2024.

 

 

Si informa, inoltre, che gli uffici del Caf Unsic nazionale rimarranno operativi.