venerdì , Aprile 3 2020
Home / Comunicazione / Bandi & Opportunità / Puglia: 17 milioni per le Pmi

Puglia: 17 milioni per le Pmi

futuro impresa

Sviluppare nuovi modelli di attività per l’internazionalizzazione. È in questa direzione che la Regione Puglia vuole incentivare le Piccole e Medie imprese mettendo loro a disposizione 17 milioni di euro inserita nella misura “Aiuti ai programmi di internazionalizzazione delle Piccole e Medie Imprese“.

A beneficiare dell’agevolazione sono quindi tutte le Pmi, in forma singola o associata (reti e consorzi), attive e con sede operativa in Puglia. Le imprese devono appartenere ai settori Ateco ammissibili, ovvero manifatturiero, costruzioni, alloggio, editoria, cinema e servizi.

Per accedere al bando la Regione Puglia specifica 3 tipologie di intervento:
– Progetti per l’internazionalizzazione funzionali al potenziamento della presenza all’estero, attraverso lo sviluppo di azione di commercializzazione e/o collaborazione industriale con partner esteri. Ovvero, ricerca partner esteri, studi di fattibilità e servizi di assistenza tecnica.
– Progetti per il marketing internazionale finalizzati a garantire una presenza stabile dell’impresa sui mercati esteri. Ovvero: assistenza consulenziale qualificata e iniziative di promozione e comunicazione.
– Partecipazione a fiere: partecipazione a fiere o mostre a carattere internazionale, sia in Italia che all’estero.

Le spese ammesse al bando devono essere sostenute dopo la presentazione della domanda e riguardano:
– servizi di consulenza specialistica, finalizzati a sviluppare il progetto di promozione internazionale, comprensivo di:
1) progettazione, organizzazione e realizzazione di specifiche azioni promozionali sui mercati esteri di riferimento (brochure, depliant, video, sito web, marchio)
2) attività di ricerca ed identificazione potenziali partner esteri
3) analisi e riorganizzazione della struttura e delle procedure aziendali ai fini della internazionalizzazione
4) attività di analisi e valutazione di joint-venture o accordi di collaborazione commerciale o industriale, anche nel campo dell’innovazione, della ricerca e del trasferimento tecnologico internazionale
5) servizi di assistenza legale, fiscale e contrattualistica internazionale, riferiti esclusivamente ai Paesi target del progetto di promozione internazionale per il quale si richiede l’agevolazione
– costi esterni per la figura TEM (Temporary Export Manager), fino ad un massimo di 100.000 €;
– servizi di consulenza specialistica relativi a studi ed analisi di fattibilità per la costituzione e gestione di investimenti all’estero funzionali alla costituzione di centri di servizi di vendita, controllo e certificazione di qualità, assistenza post-vendita, distribuzione e/o logistica per il sistema di offerta;
– partecipazione diretta a fiere specializzate a carattere internazionale: affitto spazi espositivi, allestimento e gestione degli spazi espositivi, assistenza congressuale e interpretariato;
– organizzazione e realizzazione di mostre promozionali inserite in un evento/mostra di carattere internazionale: affitto sale, spedizione materiali promozionali e dei campionari, interpretariato.
Gli interventi devono essere completati entro 24 mesi dalla data di ammissione alle agevolazioni. L’investimento minimo deve essere pari ad almeno 50.000 €.

La misura concede un contributo pari all’ammontare degli interessi di un finanziamento agevolato, erogato dalla banca convenzionata. Il tasso d’interessi viene calcolato:
– in misura pari all’Interest Rate Swap in euro a 10 anni, maggiorato di uno spread aggiornato di anno in anno, pubblicato il giorno della stipula del finanziamento;
– indipendentemente dall’ammontare delle spese ammissibili, su un importo finanziato massimo di 800.000 € (per le aggregazioni 4 milioni €).
Sono previste altre sovvenzioni dirette fino ad un massimo del 45% dei costi sostenuti per un massimo di:
– 300.000 € per i programmi di internazionalizzazione e/o marketing,
– 100.000 € per la partecipazione a fiere.

Scadenza del Bando

Lo sportello per la presentazione della domanda è aperto fino ad esaurimento fondi.

Check Also

Digitale tv: da settembre 2021 si cambia, a chi spetta il bonus

Il passaggio al nuovo standard di trasmissione televisivo DVB-T2, che inizierà da settembre 2021, costringerà …

CHIUSURA UFFICI

 

Si avvisa che la sede Unsic nazionale domani venerdì 27/03/2020 sarà aperta metà giornata dalle ore 09:00 alle ore 13. 00 per permettere, come previsto dalle attuali disposizioni, un intervento di sanificazione degli uffici.

 

Le attività RIPRENDERANNO REGOLARMENTE lunedì 30/03/2020