giovedì , Giugno 13 2024
Home / Comunicazione / Fuga di cervelli: in mezzo milione via da Italia in anni crisi

Fuga di cervelli: in mezzo milione via da Italia in anni crisi

fuga di cervelli

Fuga di cervelli: sono stati 509.000 i connazionali che hanno deciso di cancellarsi dall’anagrafe per trasferirsi all’estero per motivi di lavoro nel periodo 2008-2016.  Un vero e proprio esercito “sparito” dall’anagrafe per ricomparire all’estero: Germania, Regno Unito e Francia le mete principali. È solo una parte del deflusso di persone dall’Italia, che sfiora le 800mila unità se si considerano i quasi 300mila stranieri, soprattutto di origine dell’Est, che hanno preferito riprendere la via di casa non trovando più opportunità nella Penisola.

Questo è quanto risulta dal rapporto “Il lavoro dove c’è” dell’Osservatorio statistico dei Consulenti del lavoro, presentato questa mattina, a Roma. La prima meta degli italiani è stata la Germania, dove nel solo 2015 in 20.000 hanno trasferito la residenza; al secondo posto, “in forte crescita”, la Gran Bretagna (19.000) e, in terza posizione, la Francia (oltre 12.000).

Non è un caso che il fenomeno acceleri dal 2012, dopo tre anni di forte crisi economica e finanziaria che hanno piegato la domanda di lavoro, e abbia poi faticato a rientrare: il picco di partenze è arrivato nel 2015, con quasi 150mila cancellati dalle anagrafi comunali. E non è neppure un caso che tra i Paesi maggiormente gettonati dai partenti ci sia la Romania, che lascia intuire si tratti di casi di “emigrazione di ritorno”.

“L’Italia è un paese con opportunità molto diverse ed una situazione di disomogeneità interna che non ha pari in Europa”, annotano gli esperti: “Per questo motivo i cambi di residenza da una regione ad un’altra sono notevoli e frequenti”. Dal 2008 al 2015 la disoccupazione nel Mezzogiorno “ha prodotto un aumento di 273.000 residenti al Nord e di 110.000 al Centro”, con un totale di 383.000 persone andate via dalle regioni del Sud. I flussi migratori più intensi da Campania (-160.000 iscritti all’anagrafe dei comuni), Puglia e Sicilia (-73.000). Le regioni che hanno ricevuto il numero maggiore di cittadini: Lombardia (+102.000), E.Romagna (+82.000), Lazio (+51.000) Toscana (+54.000). Risulta dall’ Osservatorio statistico dei consulenti del lavoro.

Check Also

G7, al via il vertice in Puglia

Si apre oggi, 13 giugno, nella cornice di Borgo Egnazia, nel comune di Fasano (Brindisi) …