domenica , Settembre 22 2019
Home / Comunicazione / Lavoro, 431 mila occupati in più nel 2018

Lavoro, 431 mila occupati in più nel 2018

Le assunzioni nel 2018 sono state in crescita. L’aumento è stato del 5,1 per cento rispetto all’anno precedente. Il saldo finale, frutto della differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi è stato pari a più 431mila posti di lavoro in più, di poco inferiore a quello del 2017 (più 466mila). È ciò che emerge dall’ultimo Rapporto sui nuovi rapporti di lavoro pubblicato dall’Osservatorio sul precariato dell’Inp s. 
Complessivamente le assunzioni riferite ai soli datori di lavoro privati sono state 7.424.000 (con un aumento dei contratti a tempo indeterminato del 7,9 per cento, a tempo determinato del 4,5 per cento, dei contratti di apprendistato (più 12,1 per cento), di lavoro stagionale (più 6,4 per cento) e dei contratti di lavoro intermittente (più 7,9 per cento). In leggera crescita i contratti in somministrazione (più 0,5 per cento) che però hanno subìto un calo rilevante (circa il 20 per cento) a partire da agosto. Anche per le assunzioni a tempo determinato la fase di crescita si è conclusa tra luglio e agosto 2018, con una dinamica negativa registrata nell’ultimo bimestre. 
Rispetto al 2017, il 2018 ha registrato un importante incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, che con più 228mila contratti stabili risultano quasi raddoppiate, passando da 299mila a 527mila (più 76,2 per cento).
Le cessazioni nel 2018 sono state 6.993.000, in aumento rispetto all’anno precedente (più 6 per cento).

(Gia. Cas.)

Check Also

Le prospettive italiane: un convegno a Torino

Quali prospettive si delineano per l’Italia con il governo giallo-rosso e soprattutto con i “temporali” …