sabato , Agosto 24 2019
Home / Comunicazione / Mamma immigrata, sussidio negato: con Unsic e avvocato ribaltata decisione

Mamma immigrata, sussidio negato: con Unsic e avvocato ribaltata decisione

496552886

Il Comune di Napoli ha negato l’assegno di maternità ad una mamma inoccupata extracomunitaria e ha comunicato all’Inps di non erogarle neppure un centesimo. Invece, a quanto pare, l’assegno le spetta di diritto. E infatti questa giovane brasiliana, sposata con un napoletano e che nel 2017 ha messoal mondo una bambina, s’è vista dare ragione da un tribunale.

La giovane cittadina extracomunitaria aveva presentato regolarmente la domanda per beneficiare dell’assegno. Peccato che pochi mesi dopo è stata respinta dagli uffici di Palazzo San Giacomo perché è titolare del permesso di soggiorno per motivi familiari con decorrenza al 2021, considerato non idoneo per la concessione. 

Per far valere le sue ragioni e i suoi diritti, si è quindi rivolta ai consiglieri Alessandro Capone e Clementina Cozzolino della Municipalità 5, dove la famiglia risiede, che l’hanno intelligentemente indirizzata al Caf Unsic di via Case Puntellate.

A ribaltare la decisione è l’avvocato Iolanda Buonaiuto, con il giudice del lavoro Carla Ruggiero del Tribunale di Napoli che ha accertato «il carattere discriminatorio della condotta tenuta dal Comune di Napoli», episodio mai avvenuto prima d’ora a Napoli, come sottolinea il quotidiano “Il Mattino”, ma molto più frequente al Nord, come riporta la giurisprudenza, poiché l’Italia ha recepito la normativa europea di riferimento in ritardo.

(Gia. Cas.)

Check Also

Unsicoop e Fare Ambiente: protocollo d’intesa per tutela ambientale e terzo settore

Realizzare progetti per la salvaguardia ambientale e il rilancio dell’economia circolare nel terzo settore, con …