domenica , Dicembre 4 2022
Home / Comunicazione / Primo piano / Anac, corruzione soprattutto nel Mezzogiorno, Milano la più virtuosa

Anac, corruzione soprattutto nel Mezzogiorno, Milano la più virtuosa

Un portale per la misurazione della corruzione nelle province italiane, con gli indicatori di rischio a livello comunale. È la nuova realizzazione dell’Anac, l’Autorità anticorruzione presieduta da Giuseppe Busia.

Cosa emerge? Che le province più a rischio corruzione, tra le 106 prese in esame, sarebbero nell’ordine Enna, Crotone, Palermo e Caltanissetta, tutte nel Mezzogiorno. Reggio Calabria è sesta, Napoli nona. Roma è al 57/mo posto, circa a metà classifica. Le più virtuose: Milano, Bologna e Modena.

Il dato costituisce la sintesi di quattro indicatori che rilevano i livelli di istruzione, benessere economico, capitale sociale e criminalità. Chiunque può visionare il proprio territorio d’interesse suddiviso in tre aree tematiche (di contesto, di appalto e comunali).

L’iniziativa è stata finanziata dal Programma Operativo Nazionale “Governance e Capacità istituzionale 2014-2020”, e vede coinvolta Anac con un ruolo centrale e di coordinamento.

Sono stati scelti settanta indicatori scientifici e quattro elementi: criminalità, istruzione, capitale sociale, economia del territorio e fenomeni ad essi collegati: scioglimento per mafia; reddito pro-capite e ricorso ai contract splitting, ossia alla suddivisione dei contratti. Strategico il ruolo della banca dati Anac sugli appalti, con 60 milioni di contratti censiti negli ultimi dieci anni.

“La corruzione è un fenomeno sfuggente e in larga parte nascosto, è difficile prevedere dove possa manifestarsi – è scritto nella presentazione dell’iniziativa. “In Italia, come in altri Paesi, persiste un’assenza di dati scientifici sul fenomeno corruttivo che vadano oltre la misurazione della percezione della corruzione”.

Check Also

Inps: i dati dell’Osservatorio sulle politiche occupazionali e del lavoro

Buoni i risultati delle politiche attive sul mondo del lavoro. Lo rende noto l’Osservatorio Inps …