mercoledì , Dicembre 2 2020
Home / Comunicazione / Primo piano / Bonus Baby Sitter, anche i nonni non conviventi possono richiederlo

Bonus Baby Sitter, anche i nonni non conviventi possono richiederlo

bonus baby sitter

Il Bonus baby sitter può essere dato ai nonni, purché non conviventi. È questa l’importante novità che riguarda l’aiuto dato alle famiglie per la gestione dei figli dopo l’emergenza Covid-19.

Come spiega l’Inps, utilizzando i voucher con Libretto Famiglia, da spendere solo su portale dell’Istituto di previdenza, con valore massimo di 1.200 euro da utilizzare per prestazioni di baby-sitting dal 5 marzo al 31 luglio 2020, può essere legittimamente indirizzato verso i propri familiari, come -ad esempio- i nonni.

Sono esclusi dall’agevolazione i familiari conviventi con il richiedente, in quanto il voucher non potrà essere mai utilizzato per l’altro soggetto titolare della responsabilità genitoriale (cioè l’altro genitore, anche se non convivente, oppure se separato o divorziato).

In ogni caso qualsiasi familiare, nonni inclusi, è escluso dalla possibilità di utilizzo del voucher nel caso di convivenza. 

COME RICHIEDERE IL BONUS BABY SITTER

Con messaggio 2 aprile 2020, n. 1465 l’Istituto comunica che è online la procedura di compilazione e invio delle domande per il bonus baby-sitting.

Questo beneficio può essere richiesto in alternativa al congedo COVID-19 e può essere fruito dalle seguenti categorie di lavoratori:

  • dipendenti di aziende private, lavoratori autonomi e lavoratori iscritti alla Gestione Separata INPS (entro il limite massimo di 600 euro);
  • lavoratori dipendenti del settore sanitario (pubblico o privato accreditato), nonché personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico impiegato per esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 (entro il limite massimo di 1000 euro).

Il bonus viene erogato dall’INPS, previa domanda da inoltrarsi in via telematica, accedendo al servizio online tramite le credenziali PIN, SPID, CIE o CNS. Qualora gli interessati non siano in possesso di queste credenziali, è possibile accedere al servizio in modalità semplificata, per compilare e inviare la domanda online, previo inserimento della sola prima parte del PIN, ricevuto via SMS o email subito dopo la relativa richiesta.

Fatta salva la possibilità di inviare la domanda di bonus baby-sitting con modalità semplificata, per la successiva fase dei pagamenti tramite Libretto Famiglia bisogna essere in possesso del PIN dispositivo.

Check Also

lotteria degli scontrini

Lotteria degli scontrini, si parte: come richiedere il codice e giocare da gennaio

Lotteria degli scontrini ai nastri di partenza. È attivo da ieri, 1 dicembre, il servizio …