mercoledì , Giugno 16 2021
Home / Comunicazione / Primo piano / Entrate: niente ritenute fiscali su bonus regionale autonomi

Entrate: niente ritenute fiscali su bonus regionale autonomi

autonomi

I liberi professionisti e i collaboratori coordinati e continuativi attivi alla data del 1° febbraio 2020, possono usufruire alla possibilità, contenuta nel decreto “Ristori”, di non far concorrere a tassazione i contributi di qualsiasi natura concessi, in via eccezionale a seguito dell’emergenza da Covid-19, da chiunque e a prescindere dalle modalità di fruizione, agli esercenti attività di impresa, arte o professione e ai lavoratori autonomi.

A renderlo noto è l’Agenzia delle entrate che con la  risposta n. 84 del 3 febbraio 2021 chiarisce di dubbi relativi al fatto se il bonus in questione sia escluso o no dall’imposta sul reddito delle persone fisiche e, quindi, in caso affermativo, non debba essere assoggettato a ritenuta alla fonte a titolo di acconto in fase di erogazione, è rinvenibile nell’articolo 10-bisdel Dl 137/2020 (decreto “Ristori”).
Tale norma, come spiega il sito “FiscoOggi”, in considerazione della finalità dell’aiuto economico (contrastare gli effetti negativi conseguenti all’emergenza epidemiologica), ha riconosciuto l’integrale detassazione dei contributi di qualsiasi natura erogati, eccezionalmente proprio a seguito della situazione emergenziale, da chiunque e indipendentemente dalle modalità di fruizione, ai soggetti esercenti attività di impresa, arte o professione nonché ai lavoratori autonomi.

Per i redditi dei titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, sono ordinariamente assimilati a quello di lavoro dipendente (articolo 50, comma 1, lettera c-bis), Tuir), a meno che la collaborazione non rientri nell’oggetto dell’arte o professione esercitata dal contribuente, circostanza che determina la realizzazione di reddito di lavoro autonomo (articolo 53, Tuir), con conseguente accesso al regime di esenzione riconosciuto dal decreto “Ristori”.

Nel caso in esame, per quanto riguarda i titolari di rapporti di collaborazione, l’Avviso regionale per la presentazione della richiesta del bonus prevede che, per beneficiare del contributo, l’interessato:

  • deve possedere un reddito di lavoro autonomo, rilevabile dall’ultima dichiarazione presentata, non superiore a 23.400 euro
  • deve avere un volume d’affari complessivo non superiore a 30mila euro
  • non deve essere titolare di un contratto di lavoro subordinato.

Ne discende che la previsione contenuta nel citato articolo 10-bis del Dl n. 137/2020 può legittimamente valere anche per i co.co.co: il bonus regionale non rileva ai fini Irpef e non va, quindi, assoggettato a ritenuta alla fonte.

Check Also

reddito di emergenza

Reddito di Emergenza: nuove domande dal 1° luglio

C’è tempo un mese di tempo per presentare le domande di Reddito di Emergenza (REM) per le …