domenica , Aprile 14 2024
Home / Comunicazione / Primo piano / Inflazione e salari in Italia nell’analisi di Nomisma

Inflazione e salari in Italia nell’analisi di Nomisma

inflazione

Un’analisi dell’andamento dell’economia in Italia dal 2021 a oggi che prende in considerazione le conseguenze dei conflitti aperti nello scenario internazionale. A diffondere i dati è Nomisma, società indipendente che offre studi settoriali e territoriali, ricerche economiche e intelligence di mercato.

“Veniamo da due anni e mezzo nei quali le famiglie italiane si sono sensibilmente impoverite – commenta Lucio Poma, capo economista di Nomisma – hanno dovuto attingere ai propri risparmi o fare ricorso al credito per pianificare acquisti particolarmente onerosi o imprevisti. Una ferita profonda, che avrà bisogno di tempo e stabilità per rimarginarsi”.

Nel 2021 lo scoppio della tempesta energetica ha fatto galoppare l’inflazione italiana fino al picco, sul finire del 2022, dell’11,8%. Nel corso del 2023, l’inflazione è scesa tanto rapidamente quanto era cresciuta, quasi annullandosi al punto di assestarsi allo 0,8% a gennaio. Va però sottolineato come i salari si muovano molto più lentamente del tasso d’inflazione con l’anomala conseguenza che, nel corso di questi ultimi tre anni, sono cresciuti molto lentamente durante la fase di crescita inflattiva e più velocemente durante la discesa dell’inflazione. Se nel primo trimestre del 2021 la crescita salariale (+0,7%) era in vantaggio su quella inflattiva (+0,5%), nel secondo trimestre iniziava una lenta erosione del potere d’acquisto (+06% i salari; +1,3% l’inflazione). Con il passare dei trimestri l’erosione è diventata sempre più intensa allargando la forbice tra le due componenti, tanto che nel quarto trimestre del 2022 la distanza ha raggiunto il suo apice con la crescita salariale dell’1,5% e la crescita dell’inflazione dell’11,8%, solcando un differenziale di oltre dieci punti percentuali.

Nel 2023 i venti sono cambiati: la dinamica salariale ha accentuato la sua crescita ed il tasso d’inflazione ha rallentato, pur restandone superiore. In particolare, nel terzo trimestre del 2023 la forbice si era avvicinata, con la crescita salariale che registrava un aumento del 3,2 rispetto ad una crescita dell’inflazione del 5,9%. L’ultimo trimestre del 2023, infine, ci ha consegnato il sorpasso con una crescita delle retribuzioni del 4,8% rispetto ad una crescita dell’inflazione dell’1,2% facendo recuperare ai salari, in questo trimestre, tutto il loro potere d’acquisto.

Check Also

Naspi e Dis-coll, aggiornati i limiti di reddito 2023 e 2024

Con il messaggio n. 1414 del 9 aprile 2024, l’Inps ha aggiornato i limiti di …