domenica , Maggio 19 2024
Home / Comunicazione / Primo piano / Istat: risparmi, redditi e profitti nel quarto trimestre 2023

Istat: risparmi, redditi e profitti nel quarto trimestre 2023

Nel quarto trimestre del 2023, migliora l’indebitamento della Pubblica amministrazione, ma, rispetto all’anno precedente, aumenta la pressione fiscale. Il potere d’acquisto delle famiglie, pur segnando una contrazione rispetto al trimestre precedente, registra la prima variazione tendenziale positiva dopo sette trimestri di flessione, mentre la propensione al risparmio aumenta sia rispetto al trimestre precedente sia rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. In lieve rialzo anche la quota di profitto delle società non finanziarie ed una flessione del loro tasso di investimento.

È la fotografia scattata dall’Istat nel “Conto trimestrale delle amministrazioni pubbliche, reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società – IV trimestre 2023”.

Nel quarto trimestre 2023 l’indebitamento netto delle Pa in rapporto al Pil è stato pari a -5,5% (-6,7% nello stesso trimestre del 2022).

Il saldo primario delle Pa (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo, con un’incidenza sul Pil del -1,5% (-1,9% nel quarto trimestre del 2022). Il saldo corrente è stato positivo, con un’incidenza sul Pil del 5,0% (+1,1% nel quarto trimestre del 2022). La pressione fiscale è stata pari al 50,3%, in aumento di 1,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il reddito lordo disponibile e la spesa per consumi finali delle famiglie consumatrici sono diminuiti rispettivamente dello 0,1% e dell’1,0% rispetto al trimestre precedente. La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è aumentata di 0,9 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, attestandosi al 7,0%. Il potere d’acquisto delle famiglie è diminuito dello 0,5% rispetto al trimestre precedente, a fronte di un aumento dello 0,4% del deflatore implicito dei consumi delle famiglie.

La quota di profitto delle società non finanziarie è stimata al 44,4%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Il tasso di investimento delle società non finanziarie, pari al 20,2%, è diminuito di 0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

Check Also

economia

Economia: l’Italia vista dall’Istat e dall’Ue

Anche quest’anno arrivano puntuali due documenti essenziali per fare il punto sull’andamento dell’economia italiana. Sono …