martedì , Febbraio 27 2024
Home / Comunicazione / Primo piano / Polis, il progetto di Poste Italiane per digitalizzare i piccoli comuni

Polis, il progetto di Poste Italiane per digitalizzare i piccoli comuni

Presentazione in pompa magna per Polis, il progetto ideato da Poste Italiane per fare degli uffici postali una casa dei servizi digitali, uno Sportello unico che renderà semplice e veloce l’accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione in 7.000 comuni al di sotto dei 15.000 abitanti.

Lunedì 30 gennaio a Roma presso la Nuvola di Fuksas alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, del segretario di Stato della Santa Sede, il Cardinale Pietro Parolin, di numerosi esponenti del governo, e delle istituzioni, il progetto è stato illustrato dalla presidente di Poste Italiane, Maria Bianca Farina, e dall’amministratore delegato, Matteo Del Fante, ai 7.000 sindaci dei Comuni interessati. Sono intervenuti i ministri dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, delle Imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, della Pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo, e il èresidente dell’Anci, Antonio De Caro. Presenti anche il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, il ministro della Difesa, Guido Crosetto, il ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi, il ministro per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità, Eugenia Maria Roccella, e il ministro per gli Affari Europei, Raffaele Fitto.

Grazie a Polis, finanziato con 800 milioni di euro di fondi nell’ambito del Piano nazionale per gli investimenti complementari al Pnrr, Poste Italiane dà un nuovo volto ai 7.000 uffici postali dei piccoli centri per renderli più accoglienti e trasformarli in Sportello unico digitale di prossimità attivo 24 ore su 24.
I cittadini potranno richiedere certificati anagrafici e di stato civile, la carta d’identità elettronica, il passaporto, il codice fiscale per i neonati, certificati previdenziali e giudiziari, e numerosi altri servizi che si aggiungono a quelli postali, finanziari, logistici, assicurativi e di telecomunicazione.
I lavori di ristrutturazione e di adeguamento tecnologico degli uffici postali sono partiti subito dopo il via libera della Commissione Europea, arrivato a fine ottobre 2022, e completati in pochi mesi: ad oggi sono già pronti 40 uffici postali e 230 i cantieri aperti. Entro l’anno saranno avviati i lavori di ristrutturazione in 1.500 nuovi uffici Polis.

“Il progetto Polis – ha spiegato l’amministratore delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante – nasce per garantire a 16 milioni di italiani che vivono nei Comuni con meno di 15.000 abitanti pari opportunità di accesso ai molteplici servizi della Pubblica amministrazione, avvicinandoli concretamente allo Stato. Polis ha l’ambizione di semplificare la vita di quei cittadini, riducendone al minimo i disagi grazie alle soluzioni digitali di Poste Italiane disponibili negli uffici postali. La sua attuazione contribuisce ad accelerare anche la trasformazione digitale del Paese. In questi anni Poste Italiane ha saputo creare valore con una strategia inclusiva che ha fornito servizi sempre più evoluti ad un numero crescente di persone, e Polis ne è la naturale prosecuzione”.

A raffreddare l’entusiasmo della giornata, arriva la nota Anci diffusa al termine dell’evento di Poste alla Nuvola. “L’Anci, apprezzando le finalità del progetto Polis, finanziato con i fondi del Pnrr – si legge nella nota – si rammarica per l’occasione perduta. Che purtroppo è la conferma che, come spesso accade, l’omaggio ai sindaci è più un rituale che un reale interesse alla collaborazione e all’ascolto del loro punto di vista”.

L’importanza dei Comuni per l’identità nazionale, è rimarcata da Giorgia Meloni nel suo discorso. “L’Italia si fonda soprattutto sui suoi Comuni – spiega il Presidente Meloni. “Noi sappiamo che ciascuno di quei Comuni, indipendentemente dalle sue dimensioni, dalla latitudine, dalla distanza che lo separa da un centro più grande, indipendentemente da quanto sia rinomato, è fondamentale perché è attraverso quei Comuni che noi abbiamo custodito e custodiamo l’identità italiana che è la più grande delle ricchezze che questa nazione possa vantare”.

Anche il Presidente Sergio Mattarella nel suo intervento evidenzia la rilevanza di Polis per l’Italia. “Questo progetto – dichiara il Presidente Mattarella – non soltanto è importante come tappa del processo del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ma è importante come risposta alle esigenze del nostro Paese. Vi si affianca l’utilizzazione, valorizzandolo, del patrimonio immobiliare di Poste Italiane, anche qui con l’intento di contribuire a superare i divari tra i territori del nostro Paese”.

Check Also

Lagarde (Bce), “Il Consiglio direttivo deve avere fiducia”

“Questi tassi di interesse sono a livelli che, mantenuti per un periodo sufficientemente lungo, daranno …