venerdì , Febbraio 3 2023
Home / Comunicazione / Primo piano / Riparte il mercato del lavoro, ma aumenta la difficoltà di reperimento dei candidati

Riparte il mercato del lavoro, ma aumenta la difficoltà di reperimento dei candidati

Il mercato del lavoro riparte superando i livelli pre-Covid, ma le aziende non trovano un lavoratore su due. È quanto emerge dagli ultimi dati di Unioncamere-Anpal. 

Solo a gennaio sono 504mila i profili ricercati dalle aziende italiane, registrando un +10,1 per cento rispetto a gennaio 2022. Nei primi tre mesi di quest’anno sono previste 1,3 milioni di assunzioni, che equivalgono a 149mila assunzioni in più rispetto allo stesso periodo del 2022, con una crescita del 12,9 per cento.
Tra i settori che prevedono maggiori assunzioni vi è il manifatturiero, con il reclutamento di 19mila unità e un incremento del 17,8 per cento. Seguono il turismo con 10mila assunzioni che corrispondono a un +21 per cento, mentre 7mila unità sono previste per i servizi operativi di supporto a imprese e persone (+17,7 per cento) e per i servizi alle persone (+12,9 per cento).

A mancare, tuttavia, sono le figure professionali. La difficoltà di reperimento infatti è salita al 46,5 per cento, registrando un +7 per cento rispetto all’anno scorso. Le categorie più colpite sono quelle dei dirigenti e operai specializzati, per cui la percentuale di difficoltà sale rispettivamente al 66 e al 62 per cento. Seguono i tecnici (51,6 per cento), i conduttori di impianti (49 per cento) e i professioni intellettuali, scientifiche e con elevata specializzazione (47,5 per cento).

In base a quanto indicato dalle aziende, la motivazione principale di questa difficoltà è la mancanza di candidati che interessa il 27,8 per cento dei casi. La preparazione e altri motivi costituiscono percentuali minori, rispettivamente il 13,5 per cento e il 4,4 percento.

Nonostante la crescita del tasso di occupazione che a ottobre ha raggiunto il 60,5 per cento, segnando il record dall’inizio delle misurazioni Istat iniziate nel 1977, aumentano anche le difficoltà e la precarietà della domanda. La tipologia di contratto maggiormente proposta, infatti, è quella del contratto a tempo determinato (41,3 per cento). I contratti a tempo indeterminato costituiscono solo il 24,3 per cento delle assunzioni. Il restante 34,3 per cento è diviso tra contratti in somministrazione (14,7 per cento), contratti non alle dipendenze(8,8 per cento), apprendistato (5 per cento), contratti di collaborazione (3,7 per cento) e altre tipologie di contratti alle dipendenze (2,1 per cento).

La maggior parte delle assunzioni sono previste al Nord, e in particolare circa 123mila nel Nord-Est e oltre 171mila nel Nord-Ovest, per un totale di 294mila unità. Sono poi 109mila i profili ricercati al Sud e 101mila al Centro.

Check Also

Istat: rallenta il Pil, aumentano gli occupati e i disoccupati, meno gli inattivi

L’economia italiana registra, dopo sette trimestri consecutivi di crescita, una lieve flessione congiunturale, mentre dal …