sabato , Aprile 20 2024
Home / Comunicazione / Sicurezza sul lavoro: arriva il nuovo accordo per la formazione RSPP e ASPP

Sicurezza sul lavoro: arriva il nuovo accordo per la formazione RSPP e ASPP

Forse è stato all’insegna del “Meglio prevenire che curare”, essenza del principio di precauzione per antonomasia, che il 7 Luglio 2016 è stato rivisto e approvato l’Accordo sulla formazione degli RSPP ( responsabili del servizio prevenzione e protezione nelle aziende ) e ASPP (addetti servizio prevenzione e protezione nelle aziende) del 26 gennaio 2006, sulla sicurezza sul lavoro, siglato tra il Governo, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano.

D’altronde per attuare una buona strategia di prevenzione da infortuni e malattie professionali, risulta fondamentale un’adeguata formazione degli addetti alla sicurezza aziendale.

Nel nuovo accordo sono state modificate e aggiornate le normative in materia di formazione, in particolare sono stati rivisti i requisiti della formazione per responsabili ed addetti dei servizi di prevenzione e protezione, previsti dall’art. 32, comma 2, del D.
Lgs. n. 81/2008.

In attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale per l’entrata in vigore, ecco le principali novità :

Anzitutto è stata aumentata la lista delle lauree che si considerano titolo di studio esonerante per la frequentazione dei corsi (Allegato A art. 1); l’aggiornamento di RSPP e ASPP, di decorrenza quinquennale per gli esonerati o chi frequenta corsi, indipendentemente dal settore, sarà di 40 ore per RSPP e 20 ore per ASPP, ma fino al 50% potranno essere svolte tramite partecipazione a convegni; L’erogazione dei corsi RSPP sarà riservata soltanto ai soggetti autorizzati, con esclusione degli Enti non accreditati, delle Associazioni sindacali e datoriali meno rappresentative e degli Enti bilaterali; La Formazione in modalità e-learning, secondo la revisione degli accordi del 21.12.11 (ex artt. 34 e 37 d.lgs. n. 81/08) relativamente a questo tipo di formazione on line, (allegato II), è da ritenersi valida, nel rispetto delle disposizioni inerenti ore e articolazione delle unità didattiche, per le organizzazione classificate a rischio basso (rif. punto 12.7); inoltre ci sarà anche una nuova articolazione del percorso formativo per RSPP e ASPP nei moduli: A, B e C. Il nuovo accordo prevede inoltre l’obbligo di erogare i corsi di formazione antincendio, primo soccorso e RLS in modalità frontale (no e-learning). La formazione e l’addestramento saranno a carico del somministratore se non specificato diversamente nel contratto (l’utilizzatore dovrà formare sulle proprie procedure specifiche); la documentazione relativa l’avvenuta formazione dovrà essere certificata dal libretto formativo del cittadino. Infine il nuovo accordo in materia di sicurezza sul lavoro prevede che i docenti debbano essere in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m – bis), del d.lgs81/08.

 

 

 

Check Also

Presentato al Consiglio Ue il rapporto di Letta sul mercato unico

Le elezioni europee si avvicinano e dopo le anticipazioni di Mario Draghi sul rapporto sulla …

 

Si avvisa che il giorno 26 aprile 2024 gli uffici della sede Unsic nazionale resteranno chiusi.

 

Le attività riprenderanno regolarmente il 29 aprile 2024.

 

 

Si informa, inoltre, che gli uffici del Caf Unsic nazionale rimarranno operativi.