venerdì , Agosto 19 2022
Home / Comunicazione / Tutela olio extravergine siciliano: patto Unsic-Apom

Tutela olio extravergine siciliano: patto Unsic-Apom

olioOlio extravergine d’oliva siciliano in primo piano a Brolo per l’incontro annuale organizzato dall’Apom, l’associazione cooperativa di produttori olivicoli messinesi. Una produzione di eccellenza per il territorio che grazie all’Apom da oltre 40 anni coinvolge più di 4000 produttori associati, fornendo servizi che vanno dalla raccolta alla promozione e commercializzazione del prodotto.

Una tipicità quella dell’olio siciliano che secondo Francesco Aloi, amministratore delegato Apom, deve essere protetta: «Nel tragitto della filiera tra il prodotto, la trasformazione, l’imbottigliamento, fino alle nostre tavole si inseriscono elementi di disturbo che spesso provocano discordanza tra quanto indicato nell’etichetta e quanto invece ritroviamo nelle bottiglie».

Il riferimento va alla diffusione di olii provenienti da ogni parte del mondo a prezzi stracciati, senza una vera certificazione di qualità. Una pericolo che può essere contrastato grazie agli oltre 2 miliardi che possono consentire la creazione di un verop e proprio brand di riconoscimento per il territorio siciliano.

E in questa direzione va anche la convenzione stipulata fra l’Unsic e l’Apom per lo sviluppo dei prodotti tipici locali, che nelle intenzioni di Piero Riccardo, responsabile nazionale Unsic, «è l’occasione per i produttori del territorio di crescere».

In difesa dell’olio siciliano si schiera anche Giacomo Dugo, presidente Coribia: Anno dopo anno scopriamo proprietà ineguagliabile degli oli siciliani. L’ultima riguarda le componenti non solo di selenio, che previene il Parkinson, ma anche di squalene, un idrocarburo importante per le funzioni degli anti ossidanti.

 

Check Also

Enuip e Fenit: giorno conclusivo del percorso di formazione

Si è conclusa con successo e partecipazione la giornata finale delle attività formative dei quadri …