mercoledì , Maggio 22 2024
Home / Archivio notizie / Oltre frontiera / Ad Amsterdam sold out per la più grande mostra su Vermeer

Ad Amsterdam sold out per la più grande mostra su Vermeer

Da lungo annunciata, ha finalmente visto la luce la mostra dedicata al maestro fiammingo del XVII secolo Johannes Vermeer. Fino al 4 giugno si potranno ammirare 28 delle 37 opere dipinte da Vermeer esposte nelle sale del Rijksmuseum di Amsterdam, il museo nazionale dei Paesi Bassi.

L’apertura della mostra coincide con la pubblicazione della nuova biografica del pittore che rivela per la prima volta la piena influenza esercitata dall’ordine dei gesuiti e della chiesa cattolica su Johannes Vermeer cresciuto in precedenza come protestante. Il libro Johannes Vermeer. Faith, Light, and Reflection è scritto da Gregor JM Weber, capo del dipartimento di Belle Arti del Rijksmuseum, che è anche uno dei curatori della esposizione, getta una nuova luce sulla vita e l’opera di Vermeer, sulle scelte artistiche e sulle motivazioni delle sue composizioni, svelando il processo creativo che si cela dietro i dipinti.

Sicuramente questa è la più grande retrospettiva di Vermeer mai allestita, con prestiti da tutto il mondo, e a soli pochi giorni dall’inaugurazione, ha fatto registrare il tutto esaurito di prenotazioni. Dal museo fanno sapere che sono al lavoro per dare a più persone l’opportunità di visitare la mostra. Dal 6 marzo, forniranno un aggiornamento tramite il sito web del Rijksmuseum, intanto mettono a disposizione un percorso digitale disponibile gratuitamente per tutti gli amanti di Vermeer. Stephen Fry (lingua inglese) e Joy Delima (lingua olandese) guideranno i visitatori online alla scoperta del lavoro e della vita personale dell’artista. Utilizzando l’ultima tecnologia disponibile, si potranno ingrandire le più piccole particelle di pigmento di alcuni dipinti di Vermeer, ottenendo dettagli nitidissimi attraverso fotografie ad altissima risoluzione.

Come ha spiegato Taco Dibbits, direttore generale Rijksmuseum, l’esposizione “offre un’opportunità senza precedenti per visionare un numero così elevato di dipinti di Vermeer riuniti in un unico luogo. È una prospettiva entusiasmante per il pubblico e tutti gli amanti di Vermeer, così come per scienziati, restauratori e storici dell’arte. Le ultime ricerche hanno scoperto nuove fonti che fanno luce sul pittore e sulla sua vicenda personale. Di conseguenza, sappiamo di più sulla sua posizione sociale, sul suo ambiente di vita e sui suoi contatti con artisti e concittadini. Le moderne tecniche di scansione hanno accelerato la ricerca su Vermeer negli ultimi decenni. Un team di curatori, restauratori e scienziati del Rijksmuseum ha collaborato a stretto contatto con i colleghi del Mauritshuis dell’Aia e dell’Università di Anversa per condurre nuove ricerche sui dipinti di Vermeer. Le tecniche utilizzate per questa indagine includono le avanzate tecnologie di scansione Macro-XRF e RIS”.  

Johannes Vermeer (1632-1675) visse e lavorò a Delft. Le sue opere sono conosciute perché rappresentano scene interne tranquille e introverse, il suo uso senza precedenti di luce brillante e colorata e il suo convincente illusionismo. A differenza di Rembrandt, Vermeer ha lasciato un’opera straordinariamente limitata di soli 37 dipinti.

Le opere in mostra  

  1. Una signora che scrive, 1664–67, National Gallery of Art, Washington 
  2. Una giovane donna seduta al virginale, c. 1670–72, The National Gallery, Londra 
  3. Una giovane donna in piedi davanti a un virginale, 1670–72, The National Gallery, Londra 
  4. Allegoria della fede cattolica, 1670–74, The Metropolitan Museum of Art, New York
  5. Cristo in casa di Maria e Marta, 1654–55, National Galleries of Scotland, Edimburgo
  6. Diana e le sue ninfe, 1655–56, Mauritshuis, L’Aia 
  7. Ragazza interrotta alla sua musica, c. 1659–61, Collezione Frick, New York 
  8. Ragazza che legge una lettera alla finestra aperta, 1657-58, Gemäldegalerie Alte Meister, Dresda 
  9. Ragazza con flauto, 1664–67, National Gallery of Art, Washington 
  10. Ragazza con l’orecchino di perla, 1664–67, Mauritshuis, L’Aia  
  11. La ragazza con il cappello rosso, 1664-1667, National Gallery of Art, Washington 
  12. Padrona e cameriera, c. 1665–67, Collezione Frick, New York 
  13. Ufficiale e ragazza che ride, 1657-58, The Frick Collection, New York 
  14. Saint Praxedis, 1655, Kufu Company Inc., The National Museum of Western Art, Tokyo
  15. Il geografo, 1669, Städel Museum, Francoforte sul Meno 
  16. Il bicchiere di vino, c. 1659-61, Staatliche Museen zu Berlin, Gemäldegalerie 
  17. La merlettaia, 1666-1668, Museo del Louvre, Parigi 
  18. La lettera d’amore, 1669-70, Rijksmuseum, Amsterdam 
  19. La lattaia, 1658-59, Rijksmuseum, Amsterdam 
  20. La mezzana, 1656, Gemäldegalerie Alte Meister, Dresda
  21. Veduta di Delft, 1660-61, Mauritshuis, L’Aia  
  22. Veduta di case a Delft, nota come “La stradina“, 1658-59, Rijksmuseum, Amsterdam
  23. Donna che tiene una bilancia, ca. 1662-1664, Galleria Nazionale d’Arte, Washington
  24. Donna in blu che legge una lettera, 1662-64, Rijksmuseum, Amsterdam 
  25. Donna con collana di perle, c. 1662-64, Staatliche Museen zu Berlin, Gemäldegalerie
  26. Donna che scrive una lettera, con la sua cameriera, 1670–72, National Gallery of Ireland, Dublino
  27. Giovane donna seduta al virginale, c. 1670‐72, The Leiden Collection, New York
  28. Giovane donna con liuto, 1662-1664, The Metropolitan Museum of Art, New York

Check Also

Catalogna, dichiarato lo stato di emergenza per siccità

È una siccità senza precedenti quella che sta colpendo la Catalogna, tanto che ieri, 1° …