giovedì , Ottobre 21 2021
Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Le nuove sfide lanciate dalla PAC: nasce il Formatore Agricolo Ambientale

Le nuove sfide lanciate dalla PAC: nasce il Formatore Agricolo Ambientale

Un corso di perfezionamento post laurea magistrale forgerà la nuova figura professionale di Formatore Agricolo Ambientale (FAA). L’istituzione di questa nuova figura nasce dall’esigenza condivisa di una sempre crescente richiesta di professionalità, legata alla riforma della PAC approvata a fine giugno, che accompagni la transizione sostenibile dell’agricoltura dal punto di vista ambientale, senza perdere di vista la necessaria capacità produttiva e la conseguente sostenibilità economica, oltre ad una sostenibilità sociale, mettendo al centro l’agricoltura come fonte di equilibrio e stabilità.

L’iniziativa, presentata il 27 luglio da Casa dell’Agricoltura associazione di idee di Milano, è sostenuta economicamente dalla Fondazione Cariplo che ne coadiuva l’attività organizzativa. Il corso vede anche la collaborazione del CREA-Centro di ricerca Politiche e Bioeconomia e della Rete Rurale Nazionale, del Dipartimento di scienze e politiche ambientali della Università di Milano (Facoltà di Agraria). L’Ordine dei dottori Agronomi e dei dottori Forestali di Milano collabora validando l’insieme delle attività formative ed i passaggi conclusivi.   

Si tratta di un corso di perfezionamento post laurea magistrale sulle sfide ambientali e sociali lanciate dal Green Deal e dalla Strategia Farm to Fork e che ha l’ambizione di contribuire alla formazione di una figura professionale che possa accompagnare il settore agricolo in questa importante transizione.

Il Formatore Agricolo Ambientale sarà un professionista che dovrà avere una visione complessiva dei problemi della transizione sostenibile agricola e territoriale, la capacità di identificarli e infine garantire la competenza nell’indicare le soluzioni adottabili: un professionista con una ampia cognizione generale del significato della sostenibilità agricola, accompagnata da una forte adesività alle specifiche problematiche aziendali e alle loro dinamiche nel moderno mercato agroalimentare.
La nuova figura professionale dovrà interagire con le aziende agricole, con le amministrazioni che si occupano di agricoltura, con gli Istituti territoriali che si operano nella tutela del territorio (Enti Parco), con le organizzazioni che la stessa agricoltura esprime.

Il Corso FAA, totalmente gratuito, inizierà il 1° novembre 2021 e terminerà a luglio 2022 e prevede lezioni teoriche, stages pratici presso aziende ed Enti, e si conclude con un tirocinio retribuito di tre mesi presso aziende ed Enti.

Check Also

HEXAGRO

Hexagro: l’orto verticale direttamente a casa

Ripensare all’agricoltura a Km 0 attraverso un concetto di sostenibilità verticale. Prende il via qui …